Nina Zilli, l'amore (per la musica) è femmina

Nina Zilli HotNina Zilli Hot
30/01/2013

Momento hot per Nina Zilli: tutti i suoi video su Youtube vantano milioni di visualizzazioni, due partecipazioni al Festival di Sanremo, i suoi album non scendono nelle classifiche, con il brano “L'amore è femmina (out of love)” ha rappresentato l'Italia all'Eurovision Song Contest 2012, il singolo “Per sempre” è disco di platino, e la sua carriera da conduttrice televisiva va a gonfie vele.

Dal testo di “Per sempre” di Nina Zilli: “Se un giorno tu / tornassi da me dicendo che / è stato un errore lasciarmi andare / lontano lontano da te / Se un giorno tu / parlassi di me dicendo che / sono il tuo rimpianto e non riesci a dormire / allora ti direi / stavolta sarebbe per sempre / non importerebbe niente se / le parole tue / mi hanno fatto male / ma tanto vale che stavolta sia per sempre / perché l'orgoglio in amore è un limite / che sazia solo per un istante e poi / torna la fame”



Nina Zilli nasce a Piacenza nel 1980, ma vive tra l'Italia, l'Irlanda e gli Stati Uniti mentre studia canto lirico al conservatorio, ma la sua carriera non si inaugura come cantante bensì come veejay per MTV prima, e al fianco di Red Ronnie in “Roxy Bar” poi.
Nel 2001 inizia a collaborare con band importanti come gli Africa Unite e i Franziska, arricchendo il suo bagaglio musicale già dedito al soul e al r&b, con influenze rocksteady e reggae.
Nel 2009, adottato il nome d'arte di Nina Zilli, che omaggia Nina Simone, firma per Universal e pubblica il singolo di debutto “50mila”, in collaborazione con Giuliano Palma: il brano viene scelto per la colonna sonora di “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek. “50mila” sarà poi incluso nel suo primo EP “Nina Zilli”.



Il vero anno d'oro si rivela però il 2010. Nina Zilli partecipa al Festival di Sanremo nella categoria “Nuova Generazione” con il brano “L'uomo che amava le donne”: si classifica terza, vince il premio della Critica “Mia Martini”, e in pochissime settimane il singolo è disco d'oro. In concomitanza con Sanremo viene pubblicato il disco d'esordio “Sempre lontano”, disco di platino; dopodiché Nina Zilli viene invitata all'annuale Concerto del Primo Maggio in Piazza S. Giovanni a Roma e vince il premio “New artist” ai Wind Music Awards. L'ascesa di Nina Zilli è però solo agli inizi.

Dal testo di “L'uomo che amava le donne” di Nina Zilli: “Dopo di me / amori stupidi / Avere amanti che hai, lo sai / Improbabili ed inutili / come fai solamente tu / dimenticarti è difficile / eri un po'di più / mi piaceva come amavi tu / quanto sai fare l'uomo / se non ci sono io / ti consumi in un giorno / nell'attesa di un addio”



Nina Zilli ritorna sul palco del Festival di Sanremo nel 2011, ma questa volta come ospite dei La Crus per la serata dei duetti, interpretando il brano “Io confesso” e conduce i TRL Music Awards vincendo anche i premi “Best look” e “Italians do it better” e per tre mesi è la voce dei microfoni del programma “Stay soul” su Radio 2.
Il 2012 invece è l'anno delle conferme: Nina Zilli torna per la terza volta sul palco di Sanremo ma questa volta nella categoria Big, con il brano “Per sempre”, ancora una volta disco di platino, e pubblica il secondo album “L'amore è femmina”, in cui è presente il brano “Un'altra estate”, scritto a quattro mani con Carmen Consoli.

E' ancora una volta ospite del Concerto del Primo Maggio, conduce “Panariello non esiste” su Canale 5, rappresenta l'Italia con il brano “L'amore è femmina (out of love)” all'Eurovision Song Contest, classificandosi nona, presenta in diretta su MTV la prima edizione degli MTV Hip Hop Awards: insomma, un anno ricchissimo di soddisfazioni per Nina Zilli, la cantante dal look anni '50, che ha fatto del vintage il suo marchio di fabbrica, riprendendo lo stile e la voce delle grandi interpreti del soul: il paragone con Amy Winehouse è quasi inevitabile, date anche le curiose acconciature, ma Nina Zilli sembra ben decisa a godersi il suo successo e punta sempre più in alto.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Arriva a Bologna il biglietto sospeso per chi non può permettersi un concerto