Linkage - Oasis - Sassuolo (MO) Live report, 01/12/2001

07/12/2001 di Antonio 'Zanna' Zanoli



Riempiono il palco fino a farlo scoppiare i sei di Soliera, carichi di chitarre e della strumentazione che, sollecitata a dovere, inizia a cacciare muri sonori sulla folta platea. Sono quasi a casa loro i Linkage, e questo non gioca certo a loro favore - almeno tenendo conto del vecchio, ma azzeccatissimo adagio, “nemo propheta in patria”. A volte esistono le eccezioni, ed in parte la cosa è accaduta proprio stasera grazie alla band in questione.

Si chiama “La nuova creatura” l’ultimo lavoro di Linkage, ma in realtà si tratta di un vero e proprio inizio e così non mi stupisco troppo nel trovare una band cambiata anche sul palco e decisamente in meglio. Il suono, generato rabbiosamente dagli strumenti e da un impianto che vacilla sotto la potente performance, è studiato in ogni minimo dettaglo e lascia tutti di stucco; le tracce del nuovo disco vengono suonate con grinta e personalità, senza la minima imperfezione tecnica, confermando che gli anni di gavetta hanno forgiato il carattere di una formazione troppo spesso - e ingiustamente - tacciata di plagio nei confronti del grunge di Seattle.

I riferimenti a tale corrente musicale non vengono certo negati, ma vederli sbattersi sul palco fa cadere ogni dubbio: i Linkage ci sanno fare e lo ‘scimmiottamento’ non è il loro sport preferito; anzi, vien da complimentarsi per il coraggio che dimostrano cantando in italiano e inserendo suoni particolari, dove l’abitudine ci (li?) avrebbe portato a cercare ben altro.

L’ha già scritto qualcun altro, ma mi preme sottolinearlo: da tenere d’occhio!!!



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati