Spotify e royalty: ecco a chi vanno veramente i soldi

Spotify dice che un ascolto di una canzone fa guadagnare all'artista circa $0.0084. Ma c'è una parte della storia che deve ancora essere raccontata.
24/11/2014 14:34

Da Pandora a Deezer, dal nuovissimo Google Key per finire con l'onnipresente Spotify, la musica della nostra vita passa quasi tutta dai servizi di streaming. È così che oggi ascoltiamo i nostri dischi preferiti, e conseguentemente è così che gli artisti guadagnano con le loro canzoni (o almeno dovrebbero).

Usiamo il condizionale, perché in quanto a pagamenti agli artisti queste nuove piattaforme hanno ben poco di rivoluzionario.

Prendiamo Spotify, quello al momento più diffuso: il sistema di ripartizione delle royalty è simile a quello delle scommesse a totalizzatore. Tutto il denaro raccolto (dagli abbonamenti e dalla pubblicità) va a formare una sorta di "montepremi", Spotify si prende il suo 30% sul totale, e quel che rimane viene ridistribuito agli artisti in base alla percentuale di ascolti che raccoglie ogni musicista sul totale degli streaming della piattaforma. Spotify ha anche ipotizzato che, di media, uno stream di una canzone vale dai $0.006 agli $0.0084.

 

All'apparenza sembra un sistema normalissimo: più la gente ascolta un artista, più soldi gli arrivano. In realtà c'è un piccolo dettaglio che cambia totalmente la chiave di lettura della situazione, perché di fatto Spotify non guadagna dai singoli ascolti, ma dagli abbonamenti. Come vengono ripartiti allora i soldi degli abbonamenti?

Facciamo un esempio pratico, per quanto estremo: mettiamo ci sia un ascoltatore molto appassionato di pizzica, il quale si iscrive a Spotify per ascoltare l'ultimo successo dei Tarantolati del Salento. Paga i suoi buoni 10 euro, ascolta due o tre volte l'album ma poi decide che Spotify non fa per lui, e abbandona la piattaforma.

Quindi, chi ha guadagnato quei 10 euro?

Il 30% va a Spotify, quindi 3 euro. Gli altri 7 invece verranno ripartiti, come spiegato qualche riga fa, tra gli artisti presenti su Spotify in base alla loro percentuale di ascolti sul totale. Quindi Fedez, Calvin Harris e gli altri artisti che dominano le classifiche al momento prenderanno la percentuale più grande di quei 7 euro, anche se quei 7 euro sono stati guadagnati grazie ai soli streaming dei Tarantolati del Salento, ai quali toccherà invece qualche misero centesimo. 

Oltre a questo meccanismo c'è un'altra cosa da tenere in conto: gli artisti con la percentuale più alta di streaming riceveranno quasi sempre più di quello che hanno fatto guadagnare a Spotify tramite i loro fan che hanno acquistato un abbonamento.

A questo punto la domanda sorge spontanea: perché non ripartire le royalty sulla base degli ascolti veri che ogni band totalizza? 

Quasi sicuramente per i "grandi" non cambierebbe nulla (e c'è già uno studio pronto a dimostrarlo), ma per gli artisti con una fanbase più modesta sarebbe tutta un'altra storia.

 

 

(via)

Tag: streaming - tecnologia - spotify

Commenti (12)
Carica commenti più vecchi
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati