Spotify e royalty: ecco a chi vanno veramente i soldi

Brad Jonas per Pando - Le royalty di SpotifyBrad Jonas per Pando - Le royalty di Spotify
24/11/2014 di

Da Pandora a Deezer, dal nuovissimo Google Key per finire con l'onnipresente Spotify, la musica della nostra vita passa quasi tutta dai servizi di streaming. È così che oggi ascoltiamo i nostri dischi preferiti, e conseguentemente è così che gli artisti guadagnano con le loro canzoni (o almeno dovrebbero).

Usiamo il condizionale, perché in quanto a pagamenti agli artisti queste nuove piattaforme hanno ben poco di rivoluzionario.

Prendiamo Spotify, quello al momento più diffuso: il sistema di ripartizione delle royalty è simile a quello delle scommesse a totalizzatore. Tutto il denaro raccolto (dagli abbonamenti e dalla pubblicità) va a formare una sorta di "montepremi", Spotify si prende il suo 30% sul totale, e quel che rimane viene ridistribuito agli artisti in base alla percentuale di ascolti che raccoglie ogni musicista sul totale degli streaming della piattaforma. Spotify ha anche ipotizzato che, di media, uno stream di una canzone vale dai $0.006 agli $0.0084.

 

All'apparenza sembra un sistema normalissimo: più la gente ascolta un artista, più soldi gli arrivano. In realtà c'è un piccolo dettaglio che cambia totalmente la chiave di lettura della situazione, perché di fatto Spotify non guadagna dai singoli ascolti, ma dagli abbonamenti. Come vengono ripartiti allora i soldi degli abbonamenti?

Facciamo un esempio pratico, per quanto estremo: mettiamo ci sia un ascoltatore molto appassionato di pizzica, il quale si iscrive a Spotify per ascoltare l'ultimo successo dei Tarantolati del Salento. Paga i suoi buoni 10 euro, ascolta due o tre volte l'album ma poi decide che Spotify non fa per lui, e abbandona la piattaforma.

Quindi, chi ha guadagnato quei 10 euro?

Il 30% va a Spotify, quindi 3 euro. Gli altri 7 invece verranno ripartiti, come spiegato qualche riga fa, tra gli artisti presenti su Spotify in base alla loro percentuale di ascolti sul totale. Quindi Fedez, Calvin Harris e gli altri artisti che dominano le classifiche al momento prenderanno la percentuale più grande di quei 7 euro, anche se quei 7 euro sono stati guadagnati grazie ai soli streaming dei Tarantolati del Salento, ai quali toccherà invece qualche misero centesimo. 

Oltre a questo meccanismo c'è un'altra cosa da tenere in conto: gli artisti con la percentuale più alta di streaming riceveranno quasi sempre più di quello che hanno fatto guadagnare a Spotify tramite i loro fan che hanno acquistato un abbonamento.

A questo punto la domanda sorge spontanea: perché non ripartire le royalty sulla base degli ascolti veri che ogni band totalizza? 

Quasi sicuramente per i "grandi" non cambierebbe nulla (e c'è già uno studio pronto a dimostrarlo), ma per gli artisti con una fanbase più modesta sarebbe tutta un'altra storia.

 

 

(via)

Tag: streaming tecnologia spotify

Commenti (12)

Carica commenti più vecchi
  • Gilbert Smith 27/11/2014 ore 19:14 @massaro_gilberto

    Difficile eliminare questo sistema mafioso ......

  • Jamestrab 28/11/2014 ore 08:51 @Jamestrab

    Sì, ma l'unico caso in cui l'artista di nicchia verrebbe avvantaggiato da un sistema ad ascolti veri è proprio quello che portate come esempio.

    Mettendo il caso che tutti ascoltassero lo stesso numero di tracce al giorno i soldi sarebbero distribuiti esattamente come lo sono ora.

  • Mago Gastralgin 30/11/2014 ore 13:59 @magogastralgin

    Jamestrab, penso si riferissero ai 10 euro di chi paga un abbonamento. Vorrebbe dire che se un abbonato, come nell'esempio, ascolta solo i Tarantolati, i 7 euro andrebbero solo a loro. Diverso è il caso dei proventi pubblicitari, che è giusto dividere in base agli ascolti come si fa ora.

  • Jamestrab 30/11/2014 ore 14:29 @Jamestrab

    Sì sì, però secondo me si sta criticando un sistema proponendo una soluzione che cambierebbe in modo irrisorio la distribuzione di soldi.
    I Tarantolati è vero che ora non prendono i 7€ di quello che ascolta solo i Tarantolati, ma percepiscono una frazione di centesimo da ogni utente di spotify.

    L'unica cosa è che sarebbe più piacevole ascoltare musica sapendo che i tuoi soldi vanno esattamente agli artisti che ascolti, ma la differenza sarebbe davvero poca.

  • RICKYT 5 mesi fa @RICKYT

    La nuova era dello streaming musicale
    La prima piattaforma di music streaming decentralizzata
    BitSong è una nuova piattaforma musicale, che sarà costruita sfruttando la blockchain di Ethereum ed il file system distribuito IPFS.

    BitSong è un progetto dedicato ai musicisti e agli ascoltatori, per risolvere uno dei maggiori problemi legati al mondo della musica. Problemi che un musicista che vuole emergere conosce molto bene.

    Da oggi sarai tu a distribuire il tuo brano, l’inserzionista caricherà la sua pubblicità e l’utente ascolterà i brani da qualsiasi dispositivo. Ad ogni pubblicità ascoltata l’artista e l’ascoltatore otterranno fino al 90% dei profitti investiti dall’inserzionista. Inoltre potrai anche ricevere donazioni dai tuoi fan, per il tuo prossimo album.

    Project Vision
    La nostra visione è quella di creare un nuovo brand legato allo streaming musicale, ma a differenza delle altre piattaforme, BitSong farà guadagnare sia l'artista, sia l'utente che ascolta il brano ed infine farà risparmiare anche l'inserzionista.

    Il nostro obiettivo infatti è quello di essere presente su qualsiasi televisore dotato di dispositivo Chromecast o Smart TV, su qualsiasi Smartphone tramite App, su qualsiasi personal computer tramite interfaccia web o software ed infine su qualsiasi auto che disponga di una Smart Radio.

    https://www.bitsong.io/

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati