Il pop da classifica ha testi da quarta elementare: lo dice questo studio

I Gazosa quando, nel 2001, hanno vinto Sanremo Giovani all'età di 13 anniI Gazosa quando, nel 2001, hanno vinto Sanremo Giovani all'età di 13 anni
28/05/2015 di

SeatSmart è un blog che normalmente si occupa di analizzare i dati degli eventi sportivi e, più in generale, di intrattenimento. Ha da poco pubblicato una nuova ricerca dove il data analyst Andrew Powell-Morse prende in esame i testi di tutte le più popolari hit americane degli ultimi 10 anni. Per farlo ha raccolto 225 canzoni divise in quattro generi (pop, rock, country e hip-hop/r&b) che hanno sostato per almeno tre settimane al numero uno della classifica di Billboard.

Per analizzare i brani, invece, ha utilizzato il metodo Flesch-Kincaid Grade Level che, combinando il numero di sillabe ed il tipo di parole usate, è in grado quantificare la difficoltà di lettura di quel testo. Ad esempio, una canzone il cui grado di difficoltà è di 4.2 è comprensibile da una persona con una capacità di lettura di quarto livello (equiparabile alla nostra quarta elementare).

Secondo Powel-Morse, dei quattro generi analizzati, il più “difficile” è il country che totalizza un punteggio di 3.3. Il blogger ci tiene a precisare, però, che tale calcolo potrebbe essere non del tutto esatto perché nel testi country mancano del tutto parole come “oh” e “yeah” che normalmente abbassano la media di difficoltà, mentre ne sono presenti altre più complesse come "Hallelujah", "cigarettes" o nomi di luoghi geografici come "Cincinnati", "Louisville" o "Mississippi" che rendono apparentemente la canzone più “colta”.

Ma i dati più interessanti sono quelli relativi agli altri generi: 2.9 per pop e rock, e 2.6 per l'r&b e l'hip-hop. In pratica, tutte le più grandi hit americane possono essere capite benissimo da una persona di 8-9 anni.

Ecco un grafico che spiega meglio questi dati e, soprattutto, che tipo di evoluzione ci sia stata in questi 10 anni.

Powell-Morse ha anche analizzato la differenza testuale delle canzoni cantate da performer uomini e donne, e ne ha dedotto che gli uomini usano molte più parole, ma i testi cantati dalle donne sono di media più intelligenti e richiedono capacità di lettura più complesse:


Ma il risultato forse più interessante dell'analisi riguarda il grado di complessità media dei testi delle canzoni in cima alla classifica: Powell-Morse ha scoperto (senza sorprese, diciamolo) che i testi sono sempre più semplici.

 

via

Tag: tecnologia scienza

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • psic 29/05/2015 ore 14:04 @psic

    Cerano bisogno degli studi per capirlo?

  • Simone Cremonini 04/01/2016 ore 11:20 @simone.cremonini.9

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Secondo i medici, i batteristi sono più contenti (ed in forma) di tutti gli altri musicisti.