IL PUSHER: Comunicati SPAMpa... Rubrica

25/09/2001



So benissimo di essere uno che scrive solo puttanate, ma si da il caso che questo spazio é m-i-o e volendo potrei pure riempirlo con i testi dei Gazosa.

Di certo ad un comune lettore (comune a cosa poi...) probabilmente non fregherà un cazzo, ma stavolta voglio scrivere una letterina per pochi intimi, indirizzata a una categoria che sembra aver fatto dello SPAM la propria missione...

Letterina:

Cari artisti, uffici stampa, promoter, operatori della comunicazione, manager,
mi spiegate per quale cazzo di motivo dovete inviare centinaia di chilobaits (KB) nelle caselle email di noi poveracci per dirci che il vostro gruppo di merda ha registrato un nuovo CD o che nel vostro paesello state organizzando il festival più sfigato del mondo?

Partiamo da un presupposto: a me fondamentalmente non frega una emerita ceppa di ricevere i vostri immensi comunicati... e così capita al 99% delle persone a cui li inviate.

Potrei finire qui e andarmene a casa soddisfatto di avervelo detto, ma qualcuno potrebbe dire che sono il solito antipatico/sfigato che per uno strano motivo ha uno spazio a disposizione e lo sfrutta solo per sparare merda aggratis.

(...che poi lo fanno tutti, ma io devo passare per lo stronzo di turno... vabbeh...)

Poniamo il caso che io sia un eminente giornalista affamato di notizie con cui rimpolpare la pochezza di contenuti della mia rivista o del mio sito (...ogni riferimento a Rockit é casuale?...)
A questo punto mi sembra chiaro che é mio interesse ricevere tutte i comunicati stampa del mondo... ed é ancora più chiaro che nell'anno duemilauno questi comunicati arrivano tramite EMAIL.

Fin qui ci siamo...

...aggiungiamo che oltre il 90% dell'odierna popolazione telematica italiana accede alla rete tramite un tenero e fragile modemino a 56K, velocità tutto sommato sufficiente per trasmettere e ricevere in tempo reale ingenti flussi informativi...

Ora... vi pare possibile che, essendo Voi (quelli di cui sopra) delle persone che fanno (dovrebbero) della comunicazione il proprio vessillo, non conosciate le regole basilari di quello che oggi é lo strumento principe per veicolare informazioni?

EMAIL = informazione-subito-ovunque-abassocosto... giusto?

...e voi che fate?

Azzerate ogni vantaggio competitivo preparando sontuosi allegati il cui peso medio va solitamente oltre il Megabait (MB)...

Come un professore di matematica, vi faccio un esempio.

...ecco il vostro comunicato:

comunicato. (dopo il punto aggiungete a piacimento tre lettere tipo: PDF, DOC, TIFF, BMP...)

[INTESTAZIONE]
[LOGO]
[SCRITTA]

"Il giorno xx/xx/xxxx si terrà un concerto di [FOTO DEL GRUPPO] presso il locale [IMMAGINE DEL LOCALE]"

[LOGO DEL PARTNER A] [LOGO DEL PARTNER B] [LOGO DEL PARTNER C]
[PIE' PAGINA]

Dimensione: 2.5Mb

...ecco invece un (raro) comunicato intelligente:

comunicato.txt (punto-ti-ics-ti)

"Il giorno xx/xx/xxxx si terrà un concerto di yyyyyyy presso il locale zzzzz. In collaborazione con partner_A partner_B partner_C"

Dimensione: 8 KB

...ci vuole molto a capire che in entrambi i casi l'informazione percepita é la stessa, con la differenza che nel primo impiego 30 minuti a scaricare la mia email e nel secondo un paio di secondi?

(...senza considerare che il POP3, usato nel 99% dei casi, ha dei limiti intrinsechi che rendono spesso problematico scaricare file troppo grandi?)

...ma soprattutto, possibile che un qualsiasi "comunicatore" (sia esso un artista o giornalista) non sia in grado di percepire che un'informazione ridondante (e spesso non espressamente richiesta) compromette il buon esito del processo informativo, inquinando la forza comunicativa (ed espressiva) dell'informazione stessa?

...credete forse che dopo aver regalato 30 minuti di scatti urbani alla SIP per scaricare il fottuto volantino del nuovo CD dei fraccazzodavelletri io possa avere una minima simpatia per questi rompicoglioni?

Qualcuno potrebbe obiettare che il "peso" di un'email é legato alla necessaria presenza di cornicette, logo, fotine e jingle... é il prezzo da pagare per avere la multimedialità, bla bla...

...fanculo!

...vi ricordo che stiamo parlando di un'informazione di tipo PUSH, ovvero immessa a forza nel canale informativo indipendentemente dall'effettiva richiesta...

...che tradotto vuol dire che mi ritrovo la mailbox intasata senza aver chiesto un cazzo di niente a nessuno!

Ti pare che neanche per sbaglio possa venirvi in mente di chiedermi: "Scusa, posso inviarti 5 Mega di comunicato in email?..."
...vi risponderei gentilmente con: "Fottiti! Copia e incolla tutto su un file di testo prima!"
...mi direte che in questo modo si perde troppo tempo... voi i comunicati dovete inviarli tempestivamente! (...sticazzi se poi io perdo mezza giornata a scaricarli...)

...dando per scontato che utilizzare un algoritmo di compressione (ZIP, RAR, cazzonesò...) sia robba per ingegneri... vi tiro fuori un uovo di colombo:

...ormai anche mia nonna ha un sito web, certamente ne avete uno anche voi...

...per quanto penoso questo sito possa essere, ha certamente tanto spazio libero...

quindi...

...mannaggia la troia, ma non vi viene in mente che in email potreste mandarmi solo l'informazione testuale (cioé tutto quello che effettivamente mi serve) e che magari mi allegate anche un LINK dal quale, se ho tempo e voglia, mi vado a scaricare la sproporzionata versione multimediale del vostro (inutile) comunicato?!

Tutto qui.

Concludo con un pensiero:
...spero sia vicino il giorno in cui la società equiparerà quelli che fanno SPAM a coloro che sorpassano sulla corsia d'emergenza (...li odi nel profondo, ma non puoi farci niente...)

N.B.: Evidentemente il senso di cui sopra non varia se sostitute le parole "informazione" e "comunicato" con una delle seguenti: Newsletter, Gig List, Date Concerti, Nota Stampa, Aggiornamento, Volantino, Notizia, Bollettino............



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours