Sottosuoni 2007@Extra - Cagliari Live report, 10/12/2007

11/01/2008 di Enrico Veronese

(My Nerd Pride - Foto da internet)

A dicembre si è svolta la nuova edizione di Sottosuoni, il contest organizzato da Voxday che ogni anno coinvolge e promuove molti tra i più interessanti gruppi della Sardegna. Il vincitore quest'anno è stato My Nerd Pride. Enrico Veronese racconta.



Atterro a Cagliari in una tersa domenica d’inverno, sorvolando lo stadio vuoto per la concomitante debacle esterna della squadra di casa. Dall’alto riconosco via Roma dove tutto si tiene, Comune Regione, porto e stazione, e il familiare calore con cui Davide Catinari e Serenella Massacci di Voxday mi accolgono, restituisce il ricordo dei fantastici giorni del 2006. Pare quasi diventato un appuntamento fisso, quello con la giuria di “Sottosuoni”: oltre agli sforzi nell’ambiente isolano (Voxday da anni conduce in Sardegna i maggiori hitmaker e “venerabili”), l’organizzazione ha a cuore la presenza di operatori per testare e tastare la bontà dei fermenti indigeni. Quest’anno anche la preselezione si è svolta lontano dalle schermaglie di quartiere: il sottoscritto, con l’ottimo Giovanni Gandolfi (Unhip) e il caro Renzo Stefanel di queste pagine, ha vagliato le migliori 12 realtà tra le oltre 50 iscritte. Caso più unico che raro, le posizioni in vetta nei tre giudizi hanno combaciato del tutto. Nessun dubbio su chi dovesse disputare le semifinali al Karel Expo, per lo scorno di chi si dilettava via Myspace a gridare alla truffa in quanto erano state depennate le troppe band da birreria, legate a un immaginario che non c’è più almeno da quando John Bonham ha smesso di colpire una batteria. Nella terra di etichette qualitative come K-Factor, Zahr, Here I Stay e Desvelos, che in presenza di qualche smash se ne sarebbero accorte da sole, è utopico sperare che un pomo maturo possa cadere dall’albero dei concorsi. Specie ove si fondano sulla labilità del giudizio popolare, coartato da famiglie e spettatori entrati a concerti inoltrati…
In un anno il Transilvania è diventato Extra, pittato con le effigie dei topscorer del rock. Ipotizzare la folla di lunedì per ascoltare quattro novità e l’headliner Roy Paci poteva essere un azzardo: invece la platea ha risposto, segnale utile per il confronto con le altre zone. Ma quanto a noi interessa è il meritato plebiscito per My Nerd Pride, che prima di rispondere in modo saporito alle domande del presentatore ha sfoderato una prestazione maiuscola ai gameboy interpolati da effetti e radiazioni televisive. Nettamente distanziati rispetto al “Postal Market di Iglesias” gli altri tre battistrada: i Radio Caos, in cerca d’autore dopo la fine del contratto d’ispirazione coi Depeche Mode; gli AGMO Plax, possessori di un brillante singolo elettropop ma nel complesso troppo gigioni, e la goth voice Sara Fadda alla testa dei Mother Gaia. Al termine della pugna, verificato il vincitore in un conteggio da cui le elezioni americane potrebbero solo imparare, piuttosto che la calca sudata della patchanka ho preferito staccare la spina tra un’ottima enoteca, un improbabile spaccio notturno e le confortevoli abitazioni di qualche June e Golfclvb, a parlare in un negozio di dischi con Luca Zoccheddu e ascoltare il nuovo Trees Of Mint con Andrea di Nocturama. Perdonate, sono fatto così



Pagine: My Nerd Pride Radio Caos [Sardegna] AGMO Plax Mother Gaia

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    My Nerd Pride
    Foto
    0
    Video
    0
    Album
    0
    Concerti
    0
    Radio Caos [Sardegna]
    Foto
    0
    Video
    0
    Album
    0
    Concerti
    0
    AGMO Plax
    Foto
    0
    Video
    0
    Album
    0
    Concerti
    0
    Mother Gaia
    Foto
    0
    Video
    0
    Album
    0
    Concerti
    0
    Pannello