Stardog - Spazio Capitol - Vimercate (Mi) Live report, 25/11/2004

05/01/2005 di Sara Magni



Interno notte, intorno ad un palcoscenico di teatro.

Siamo ancora qui, venti crani al massimo a far da pubblico assopito, veloci frasi distratte scambiate sottovoce è il rumore di fondo imbarazzante che riempie l’attesa.

Tra le poltrone scure allineate si intravedono persone sole, coppie e piccoli gruppi e tutti siedono distanti tra loro, tutti guardano il palco o l’orologio o entrambi in successione. Qualcuno si volta verso l’ingresso, ad intervalli irregolari appaiono volti neutri e facce note così il brusio aumenta, cresce compatto indefinito grave.

Nel bel mezzo entrano loro, sono i personaggi della commedia da fare e si chiamano Stardog. In abito scuro si aggiustano gli strumenti addosso e via, attacca la musica che si apre il sipario. Un’ora e mezza di suoni distorti deliranti, anfetamina e paillettes. Contrasti estremi, la neve al Sud. Fuochi d’artificio, passione urlata dopo una calma apparente. Manuel è un folle in trance che balla in maschera cangiante, gentiluomo casanova d’altri tempi, poi subito diva rosso sangue. Manuel equilibrista che cade apposta, finge il pianto e mentre ghigna tira fuori rose scarlatte da sotto la giacca presa in prestito da Cave.

Tango e blues, giallo e noir, dark roccheggiante danzereccio, canzone d’amore - distruzione. Atmosfera rétro in stile circolo di bevitori d’assenzio infranta da scatti improvvisi d’adrenalina. All’occhio incuriosito, affascinato o sedotto, ancor più che all’orecchio appagato, non importa granché se il microfono amplifica discorsi a tratti insipidi, figure retoriche logorate dall’uso comune.

Nell’aria la tensione si ferma senza preavviso, adesso c’è un silenzio precario che è già battimano. Mi allontano con passo veloce insieme al cavaliere sbadigliante, fuori è di un freddo asciutto ed io ormai non ricordo più a chi appartenga questa voce che mi ripete che ogni personaggio vive per il suo dramma.



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati