Sporco Impossibile al Circolo degli Artisti - Roma

(I Turnpike Glow - Foto di Daniele Bianchi)

La seconda serata organizzata dai ragazzi di Sporco Impossibile: quattro nuove band scelte, un festival divertente e riuscito. C'era molta gente, tutti si sono divertiti. A fine concerto un macellaio in grembiule ha distribuito cd compilation - impacchettati come se fossero bistecche - contenenti i brani dei gruppi che avevano appena suonato. Una serata succulenta, Elisabetta De Ruvo racconta.



Seconda puntata per i ragazzi di Sporco Impossibile. Prova di maturità? Sembrerebbe strano parlarne se pensiamo all’animo scherzoso del progetto collettivo che sembra non prendersi mai troppo sul serio, sebbene ci siano tanto impegno e grande fatica a monte.

Così già all’inizio di Dicembre scorso la macchina Sporco Impossibile si è rimessa in moto: ricerca, contatti, costruzione d’idee, conoscenza con gli artisti, piani d’attacco promozionale.

Il risultato ha portato anche stavolta quattro artisti sul palco del Circolo Degli Artisti: Camera 237 da Cosenza, The Niro da Roma, Il Maniscalco Maldestro da Volterra, Turnpike Glow sempre da Roma.

Una serata che è cresciuta missando tensione dei ragazzi di S.I. perché tutto andasse bene, simpatia dei gruppi assolutamente a loro agio nel loro unanime mettersi in gioco, curiosi che si aggiravano nelle sale prima del concerto, addetti ai lavori che facevano interviste a destra e a manca, fotografi, cameramen, musicisti off-stage e pubblico, tanto pubblico, molto più della precedente edizione, fino al lungo concerto, terminato ben oltre l’una di notte.

Un concerto aperto dai cosentini Camera 237, con un post-rock dai volumi altissimi, quasi aggressioni sonore che ha totalmente rapito il pubblico. Il potente scroscio di applausi alla fine della performance è stato il loro indice di gradimento.

Dopo di che The Niro, che ha aperto con “Just For A Bit”, potenzialmente uno dei singoli del suo album in prossima uscita. Esibizione in verità leggermente sottotono rispetto ad altre notevoli prove, sempre molto emozionante per chi lo segue affezionato, ma l’applausometro non ha lasciato grossi dubbi.

Quando lo spirito de Il Maniscalco Maldestro invece ha invasato i suoi quattro musicisti spingendoli sul palco: ho visto ragazzi ballare, saltare, ho visto gente con gli occhi sgranati, divertita, presa. I loro “rocksenzafili”, frizzante lolli-folk ha fatto letteralmente boom!

Quasi all’una di notte i Turnpike Glow. Notte fonda di un giorno feriale eppure c'era talmente tanta gente che è stato un problema raggiungere il palco dopo il cambio, dopo la pausa sigaretta in giardino, c’era la massa del sabato sera davanti a loro. Una massa soddisfatta, fan contenti della buona prova pop (delicatamente noise, aggiungerei, in alcuni brani), che interagiva col gruppo zompettante con un tira e molla di reggiseni cinesi su e giù dal palco.

Gadget della serata la compilation con un brano ciascuno per i gruppi di questa edizione. Un finto macellaio con un grembiule sporco in maniera inverosimile distribuiva all’ingresso un vassoio di polistirolo col cd incartato in una velina rosso sangue, timbrato e barrato come una bistecca succulenta. Succulenta come la serata.



www.sporcoimpossibile.it

---
L'articolo Sporco Impossibile al Circolo degli Artisti - Roma di Elisabetta De Ruvo è apparso su Rockit.it il 2007-03-22 00:00:00

COMMENTI (8)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 14 anni Rispondi

    ci hai preso sono loro.
    convengo con il tuo commento.
    solo che io non sento il mainstream perchè odio la pubblicità e quindi non so e non ho capito neanche che cover hanno fatto.
    il problema comunque oltre ai mix era anche a livello esecutivo.

  • utente0 14 anni Rispondi

    Se sono quelli che hanno aperto il teatro degli orrori a roma sono disastrosi, non si è capito nulla, i pezzi sono quasi tutti uguali, le uniche cosa che mi ricordo sono le cover, tirate voi le conclusioni

  • utente0 14 anni Rispondi

    Non capisco... Che vuoi dire?
    Comunque li ho visti dal vivo, niente di che...

  • utente0 14 anni Rispondi

    si in effetti c'è molto da rosicare...questi turnpike sono davvero da invidiare...talmente bravi che non hanno nemmeno un disco fuori per un'etichetta italiana qualsiasi...non puoi capire quanto rosico...

    rosicone

  • eloisa 14 anni Rispondi

    per i travasi di bile ci sono cure adatte...
    :[

  • utente0 14 anni Rispondi

    SI POTEVA PUBBLICARE UN PO' PIù TARDI NO?

  • utente0 14 anni Rispondi

    Come hanno suonato i Maniscalco Maldestro?

  • utente0 14 anni Rispondi

    4 gruppi di merda. turnpike glow al top della merda. a quando una serata con band decenti a Roma?