Super Elastic Bubble Plastic - Studio Report 2006 - n.4

06/04/2006

Ormai lo abbiamo detto un po' in tutte le salse. I Super Elastic Bubble Plastic sono una delle band-sorpresa dell'anno 2005, in cui stoner-rock e indie-core si mischiano in loro come il gin e l'acqua tonica. Dopo tre puntate in cui Paolo Mazzacani ci ha raccontato che stesse succedendo durante le registrazioni di "Small Rooms", il loro prossimo disco a breve in uscita per RedLed, eccoci alla ultima puntata. Luogo: Natural Head Quarter. Panoramica: vasta. Obiettivo: pressochè raggiunto. A voi leggere, e sempre a voi - poi - ascoltare...



16 – 17- 18 Febbraio – Natural Head Quarter – Ferrara

Reincontro i ragazzi all’Arci Renfe di Ferrara dove va in scena la prima de Il teatro degli orrori, supergruppo formato da Gionata, Giulio e da Pierpaolo Capovilla e Francesco Valente degli One Dimensional Man. Si scende nel regno dei morti. Grandi. Tra il pubblico, insieme a me ci sono anche Gianni e Alessio, appena tornati in studio dopo aver sbrigato le questioni di lavoro. Dopo lo spettacolo ci accordiamo per il giorno seguente, mi aspettano per (andare a vedere le ochette al parco…) registrare le parti di piano e cori che andranno su “Hold On”.

La mattina parto di buon ora. L’appuntamento è al casello di Ferrara Nord. Il tempo appena di frugare tra i pacchetti vuoti schiacciati tra i pedali dell’auto sperando di trovarci almeno una sigaretta e Gionata arriva col furgone. Lo seguo e ci immettiamo in un vialone desolato in pieno sole. Il Natural Head Quarter si trova in un capannone che di fronte ha un’officina. Entro e ci mettiamo quasi subito al lavoro. Mi fanno sentire il pezzo e io inizio a metterci su il piano. In poco più di un’ora è tutto fatto. Dentro c’è un fermento pazzesco, Manu e Gigi, i proprietari, spediscono il rought mix di “Feel Sleepy” ai ragazzi di Redled, mentre i Super Elastic a rotazione scrivono e ricevono email. Giulio è in regia. Gli studi di registrazione ad alta gradazione analogica sono zeppi di macchinari meravigliosi: registratori, manopole, orologi, tachimetri, manometri, switch e slider, alcuni sembrano vecchie radio da conflitto, altri cloche che azionano periscopi, residuati bellici e modernariato assortito. Il tutto con il rischio che ogni tanto qualcuno s’inceppi e ci si debba fermare e dedicare ad altro. Così c’ è il tempo per i riascolti e tutto il materiale suona incredibilmente…un boato!

Verso sera iniziamo con le voci, registro la mia parte e Gionata ultima le sue, si provano anche soluzioni alternative, lavoro d’equipe su “Guilty” che si ritrova ad avere una coda inattesa che ascolto dopo ascolto convince tutti. Andremo avanti fino a notte fonda e, di fronte ad una pizza, a tenere banco sarà l’ennesima porcheria di Calderoli. I ragazzi sono stremati, ma “Small Rooms” è praticamente terminato. Esco per telefonare ad Alice e comprare sigarette per tutti e mi prendo due passi mentre Ferrara sta per essere investita dal nubifragio. Dalla ciminiera che s’allunga in cielo brucia rosaviola una fiamma insana… “Zabov Moccia – leggo sopra la mia testa – ecco dove lo fanno”. Attorno tutto s(con)fitto e (s)venduto. Non so perché ma mi viene in mente Berlino…



Per leggere i precendenti appuntamenti:

- Terza Puntata
- Seconda Puntata
- Prima Puntata

---
L'articolo Super Elastic Bubble Plastic - Studio Report 2006 - n.4 è apparso su Rockit.it il 06/04/2006

Tag: speciale - studio report

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Leggi anche
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani