Africa Unite - studio report 6 Rubrica

27/12/2002



Mercoledì 25 dicembre

Oggi è Natale.

Tanto per cambiare sono in studio e sto cercando di scrivere un testo; gli altri sono sparsi in giro per i classici impegni familiari che quest’inutile festa ci riserva ogni anno. Ad essere sincero tra poco anch’io andrò a pranzo dai miei, anche perché quest’anno mia nonna, novantenne, ha preparato gli agnolotti, che da molto tempo non faceva più. Gli agnolotti della nonna sono molto grandi e buoni e richiedono una preparazione piuttosto lunga; una volta li faceva spesso, ma ora l’età influisce, quindi considero questa giornata particolare per questo motivo.

I brani stanno prendendo forma e devo dire che comincio ad essere davvero soddisfatto. Mi sembra che questo disco abbia dei contenuti musicali molto liberi ed eterogenei rispetto a “Vibra”, scavi tra vari stili con facilità senza allontanarsi - chiaramente - dal suono reggae che lo pervade.

Fare i testi non è facile: Bunna mi dà le melodie cantate in inglese e ogni brano subisce l’adattamento in italiano. La nostra lingua è però molto meno malleabile e spesso le metriche inglesi sono difficili da ricreare. Comunque devo ammettere che in questo periodo gli argomenti non mancano di certo: ogni giorno accendo la televisione e sono disgustato dall’ipocrisia dell’informazione e dalla schifezza “mondiale” che stiamo vivendo; parlo di questo nella maggioranza dei testi, e molto spesso mi rendo conto di fare il cronista dell’assurdità quotidiana del nostro vivere e della difficoltà, sempre crescente, di reazione.

Domani farò anch’io una pausa, ma dal 27 si riprende con le percussioni. Papanico in studio è sempre uno spasso, come dal vivo, e daremo una bella iniezione di groove al disco.

P.S. Lunedì 23 abbiamo suonato con i Subsonica per i cassaintegrati Fiat. La serata è andata benissimo, anche se molti, causa folla incredibile, non hanno potuto vedere il concerto.

C’è stata l’occasione di fare 2 brani insieme ai cugini Sub e penso che sia stato divertente per tutti.

Ringraziamo coloro che hanno partecipato ed esortiamo a seguire e supportare le vicende dei lavoratori torinesi ed italiani che si trovano davvero in un brutto momento, con un reale impegno di solidarietà.

Madaski



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati