Estra - studio report n°2 Rubrica

23/01/2001 di



Rubiera 23 gennaio 2001

Ciao tutti, speriamo siate in forma.

Nel frattempo qui abbiamo avuto nebbia nuvole e neve, cioè zero sole ma tanta, tantissima musica: ora possiamo quasi toccarle queste canzoni, lo scheletro c'è, e come al solito le ossa attirano e spaventano insieme, ci potrebbe essere ogni tipo d'uomo sopra quelle ossa, sta a noi rivestirle con cura (possiamo dire con amore?), e fantasia.

Eddy e Accio hanno avuto la parte più faticosa sin qui, hanno suonato incollati uno sull'altro, dalla mattina a quella dopo, all'unisono, come due pistoni, come due complici che fanno "colpi" insieme da dieci anni, e a tutti sembra di avere intorno il suono di oggigiorno, martellante, ossessivo, seducente, ineludibile. Bello. Musica e visioni, come sempre, e allora siamo già a immaginare, mossi dalle canzoni, la veste di questo nuovo lavoro: ancora stimoli, flash, contrasti potenti, fecondi, sul punto di germogliare, sulla punta della lingua, questa lingua bastarda e colta che abbiamo, l'italiano, che ci darà anche il titolo di questo lavoro, ma non oggi, forse domani, non c'è fretta.

Stiamo sperimentando, anche: a livello di suoni si può ancora inventare, qualcuno ha visto in web-cam Abe suonare all'angolo della regia, con l'ampli nello sgabuzzino piastrellato, complimenti a quegli occhi, tra l'altro.

Nelle pause relax: Eddy va in bici (se la playstation non lo fotte), Abe gioca a basket (manca giusto il canestro, ma Egli è un'artista...), Accio fuma e legge (legge sempre tutto, fino all'ultima riga), ed io vado a perdermi tra i campi (che qui sono piatti all'infinito) a rimirare aironi, a confondermi tra la fauna invernale selvatica.

Vogliamo ringraziare i tanti che ci hanno scritto via e-mail dopo il primo report e ne approfittiamo per dirvi che da oggi, 23 gennaio, sul nostro sito (www.estra.org) parte il Forum (mandateci lì i vostri messaggi, la vostra energia positiva).

Tutto continua ad accadere, si tratta solo di lasciare che sia.

Estremo saluta tutti.

Duty free shock

Libera te stesso, liberi il mondo

Da qualche parte bisogna pur cominciare

Avete già il modello nuovo?

Non c'è una fine



Tutti gli articoli precedenti dello Studio Report:

> studio report 1

> studio report 2

> studio report 3

> studio report 4

> studio report 5

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche