Sushi & Casa, i live casalinghi di Marta sui Tubi

27/01/2009

I Marta Sui Tubi giocano la carta dell'house concert e organizzano "Sushi & Casa", una serie di live casalinghi per pochi invitati. Dicono che, dopo tanti anni di concerti in club e festival, sentivano il bisogno di un qualcosa di più intimo e minimale. Ci raccontano questa nuova esperienza con foto, video e piccoli diari di bordo scritti da loro tre o dal manager Lorenzo Bedini.



Ecco le date:
15/01: Torino
16/01: Milano
17/01: Torbole - Riva Del Garda
18/01: Siena
21/01: Garbagnate Milanese
22/01: Reggio Emilia
28/01: Napoli
29/01: Roma
06/02: Cremona
12/02: Savona

Giovedì 15/01
L'unica cosa realmente definita è l'itinerario, completo di indirizzi e orari di arrivo nelle case. Si parte con Torino a casa di Vania, con quello che dalle foto sembra un piccolo ed accogliente appartamento. Le poche decine di posti disponibili sono andati esauriti in un attimo. Per ogni prima data di un tour dei Marta c'è sempre tensione al momento della partenza. Buon segno.

Per motivi di costi la carovana è ridotta alla formazione storica: Giovanni, Carmelo e Ivan, con l'aggiunta di Robbo, tourmanager della band e coltellino svizzero umano, pronto a risolvere ogni inghippo. Uno dei primi problemi è stato quello di capire se ci sarebbe stato bisogno di un impianto, per quanto piccolo, di amplificazione. Una volta arrivati nella location ci voglioni pochi minuti per decidere di suonare senza nessun tipo doping audio, che è poi il modo in cui le canzoni dei Marta nascono. Si decide di usare il divano come palco.

La gente arriva puntualissima, l'appartamento è pieno come un uovo. Nel giro di un'ora vengono stappate innumerevoli bottiglie di vino e alle 21,30 spaccate, incredibile, si parte con il pubblico a sedere che circonda il trio. Il risultato finale lascia tutti così contenti che è quasi imbarazzante. // Lorenzo

Venerdì 16/01
La casa di stasera è un loft ricavato da un ex-locale a sua volta ricavato da un laboratorio di riparazioni di tv ed elettrodomestici. Posto strano, molto bello e piuttosto grande. Stasera i Tubi decidono di usare l'amplificazione, e quindi sbucano aste e microfoni. Si monta il tutto sul pianerottolo della scala, in posizione sopraelevata. Al trio si aggiunge anche Mattia Boschi al violoncello. E' un piacere vedere come ogni sera si crei un gigantesco buffet spontaneo con il cibo e le bevande portate dai presenti. Stasera il premio va a quelli che hanno portato la torta con lettere di pastafrolla a formare la scritta "fame chimica". Il concerto funziona bene, ma la band è consapevole che utilizzare l'amplificazione sia stato un'errore che ha impedito al set di raggingere i livelli di Torino. Si aggiusterà il tiro il giorno successivo. // Lorenzo

Domenica 18/01

Una splendida casa quasi tutta in legno, circondata da montagne e con vista sul lago di garda. Spettacolo. Kristin e tutta la famiglia Farina ci accolgono già dal pomeriggio. Ci sono cugini e altri parenti, tutti a portare cibo e farci mangiare e bere. Il padre di Kristin commercia vini e non si risparmia nel farci assaggiare il prosecco da collezione in tutte le sue possibili varianti. Posso dire che per noi questa data di Sushi e Casa è cominciata già dal pomeriggio. Mettiamo gli strumenti sui tappeti, teniamo la vetrata con vista lago alle nostre spalle e suoniamo senza amplificazione. Stasera la gente arriva da Verona, Brescia, Bergamo, Trento. Questo di Torbole è il concerto meglio riuscito. Almeno questa è la mia opinione, Giovanni e Ivan la penseranno sicuramente diversamente. Ma la partecipazione unita al rispetto per le esecuzioni sono state fantastiche. Grazie a tutti. // Carmelo

Lunedì 19/01
Conosciamo Berenice, cantante dei Dedalo, da qualche anno. La sua famiglia ha questo fantastico agriturismo immerso nel verde. Ci dicono che risale al 1300 e che prima è stato una caserma e poi un convento. Insomma il posto trasuda storia. La situazione è molto diversa da Torbole e qui sembra di essere a Frittole, come nel famoso film di Benigni. La sala è grande con un camino e con il soffitto a volte con i tipici mattoni rossi che fanno tanto Toscana. Stasera c'è un sacco di gente, più di 100 persone. L'unico problema è stato suonare davanti al camino e mi sono bruciato i peli delle ascelle. Per il resto atmosfera magica, tutto bellissimo. Fuori dal tempo. // Carmelo

Mercoledì 21/01

Giovedì 29/01

(Breve chiacchierata in con Giovanni)



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati