10 anni senza Syd Barrett: cinque canzoni da conoscere scelte da King of the Opera

foto via musicmag.it - Syd Barrettfoto via musicmag.it - Syd Barrett
07/07/2016 di Alberto Mariotti aka King of The Opera

Il giorno in cui morì Syd Barrett stavo festeggiando il mio ventunesimo compleanno insieme agli amici con quattro giorni di anticipo, non ricordo perché. Ricordo invece che la notizia della sua morte fu l’argomento più discusso della serata. Parlammo di Syd quasi tutto il tempo e ovviamente dedicammo a lui l’ultimo brindisi. Il 2006 fu anche l’anno in cui decisi di riprendere in mano la chitarra, scrivere qualche canzone e andare in giro travestito da Samuel Katarro. Alla fine mi auto-convinsi che questo lutto inaspettato fosse un segnale, il frutto di un disegno superiore che consentisse finalmente un simbolico di passaggio di consegne tra me e il diamante pazzo, ovvero una roba che non aveva alcun senso, anche se a me piaceva pensarla così. Mi faceva sentire bene.
Nonostante i soli due dischi e mezzo pubblicati (il mezzo è “Opel”, la raccolta di outtakes dei due dischi ufficiali), il canzoniere di Barrett è ricchissimo per ispirazione, idee e autenticità. Questi la mia top five ad oggi.
Ciao Syd, un abbraccio.

Terrapin

Dio solo sa quanti pomeriggi ho trascorso suonando questo pezzo nella mia cameretta, ma poi… che roba è? Sembra un blues suonato da un sonnambulo a cui manca il senso dell’orientamento, anzi non ne conosce nemmeno il concetto e allora sbatte, inciampa, torna indietro, riparte, sbatte, inciampa, torna indietro, riparte, sbatte, inciampa…

Long Gone

Ho praticamente saccheggiato senza pudore la progressione di accordi del se-così-si-può-chiamare-ritornello per scrivere la mia “You’re an Animal” la canzone con cui ancora oggi inizio tutti i miei concerti e che a volte suono in medley con…

…Dark Globe

Probabilmente il brano che meglio rappresenta l’animo di Syd, una dichiarazione d’amore completamente surreale e allo stesso tempo una richiesta d’aiuto fin troppo reale. L’andamento e la metrica sono rigorosamente a casaccio in pieno stile Barrett e la melodia ragazzi, la melodia… commovente.

Word Song

Il pezzo ideale quando sei a corto di sostantivi.


Feel

Ero indeciso con “Opel” per quella serie lunghissima di accordi assemblati senza nessun criterio, mi viene in mente un cervello che fuoriesce dal cranio e striscia cercando qualcosa che nemmeno lui sa cosa e infatti non lo trova mai. Ma dovevo parlarvi di “Feel” giusto? Vabbè, ascoltatela, è tenerissima.

Tag: necrologio playlist

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Arriva a Bologna il biglietto sospeso per chi non può permettersi un concerto