Leggi in anteprima i testi di "Hermann", il nuovo disco di Paolo Benvegnù

16/02/2011

Esce venerdì "Hermann", il nuovo disco di Paolo Benvegnù. Ecco i testi in esclusiva Rockit.



Il pianeta perfetto

Aspettami lungo la ferrovia
mi troverai a parlare di fiori con la polizia
adesso fidati, fidati di me
rideremo guardando le facce che fanno per noi
e il riflesso di un lago
uno dei tanti o almeno fra quelli possibili

basterebbe un aiuto
per distinguere il tempo perso da quello vissuto
vedrai che alla fine non potrai
chiederlo a nessuno

vedi come sei
il tuo sguardo non e' più il mio
ci siamo persi pensando che fosse impossibile non andar via
fidati di me

rideremo di nuovo e stavolta sara' per noi

un riflesso incontrollato
una carezza, un gesto, a volte un ritorno

basterebbe un aiuto
per distinguere il tempo perso da quello vissuto
vedrai che alla fine non potrai dirlo a nessuno

non sai distinguere il tempo perso da quello vissuto
vedrai che alla fine non potrai
dirlo a nessuno

Moses

Nascondi la verita'
la vita non ti basta
e sentirsi vivi costa

il senso degli uomini
in verticale ascesa
riuscire a mangiare
e poi dormire con la luce sempre accesa

e non e' curiosità
che spinge le intuizioni
ma semplicemente noia
paura di perdersi
difendere i confini
e allora controlli
e come ulisse poi distruggi senza senso troia

ma sotto i cieli immensi
c'è una terra da spartire
e infliggere le regole
distruggere per costruire
davanti ai cieli immensi che non puoi desiderare
infliggi le tue regole
distruggere per conquistare

nascondi la verità
non stai tornando a casa
stai solo cercando tregua

perchè i cani mordono
e mordono gli errori
e morde la fame del branco che ti tiene sempre fuori

ma sotto i cieli immensi c'è una terra da spartire
e infliggere le regole
distruggere per costruire
davanti ai cieli immensi che non puoi desiderare
scolpisci le tue tavole
distruggere per conquistare

ma sotto i cieli immensi c'è una terra da spartire
e infliggere le regole
distruggere per costruire
davanti ai cieli immensi che non puoi desiderare
infliggi le tue regole
distruggere per conquistare

e non e' un'ascesa
e non e' curiosita', ne' un'ascesa

Love is talking

E poi venne la notte
ma non fu l'ultima a cadere
per primi gli uomini, poi i cani, poi le artiglierie da campo

poi i limoni
e gli occhi dei bambini
e le risposte dei carabinieri
poi passo' tutto e alba ritorno' il sole
e a mezzogiorno il canto

madre, di tutti i poeti
raccogli solo i figli di disgrazia
e poi allontanati, mettiti i guanti,
mettiti artigli per dimenticare
la seduzione per i giornalisti
e l'attenzione per le borse nere
poi torna a casa, prepara il pane
e che ai tuoi uomini non manchi il pianto

love is talking moving everything
love is talking don't move anything
love is talking moving everything
love is talking don't move anything anything

così seguimmo le stelle senza sapere dove andare
chè non è vergine la terra
perchè a violenza l'ha piegata il mare
e violentammo anche noi per non sentire la fame
la carne cruda negge gambe
così da pochi diventammo sciame

ma poi finirono le terre
ed inventammo dio
lo trafiggemmo all'alba
l'ultima volta che provò a sorridere
così inventammo la notte
che non si parli più del sole
non c'è mai stato nessun errore
perchè chi vede muore

love is talking moving everything
love is talking don't move anything
love is talking moving everything
love is talking don't move anything

Avanzate, ascoltate

Anima, avanzate
voltate le spalle al puro mondo
l'errore rende liberi
soltanto se libera e' la grazia
di camminare verso le saline
e a piedi nudi non sentire il male
e guardare l'orizzonte

anima, avanzate. lasciate che vi accarezzino
le ciglia dell'amore
ed i ricordi che bruciano in petto
e non dimenticate le parole
degli occhi, degli ultimi respiri
e cominciate a respirare

e a illudermi di apprendere la verita' dagli uomini
e a illudermi e difendermi dalle pazzie degli uomini

anima, ascoltate
lasciate le menzogne agli uomini
e le poesie alle ombre
come visioni colte con fatica
eliminate la speranza
che serve solo a lamentare il limite
e a comprare i sogni

anima, avanzate
cogliete i fiori ed adornatevi
tingetevi le labbra
così che possa riconoscervi
e sussurrate al vento il vero amore
che i figli possano abbracciare i padri
e tornare a vivere
e a scegliere

e a illudersi di apprendere la verita' dagli uomini
e a illudersi e difendersi dalle pazzie degli uomini

navi senza vento nell'oceano senza fine
chiedono alle stelle di trovare posizione
navi senza vento nell'oceano senza fine
chiedono alle stelle di tornare a navigare

e a illudersi di apprendere la verita' dagli uomini
e a illudersi e difendersi dalle pazzie degli uomini

Io ho visto

Ho visto un sogno
in fondo all'anima
che mi parla, che mi spinge a non cadere
e non dimentica

ho visto il male
da cui difendersi
o da baciare come rive sconosciute
o da nascondersi

e ho visto il desiderio
e l'ho toccato e poi succhiato a fondo
e ho visto gli uomini ridere di niente scalciando i cani

ma la mia vita canta d'amore
la mia vita è pazza d'amore

ho visto terre vergate a sale
e ho visto roghi ed incolonnamenti
e il mare rosso da passare
ho visto case da costruire
ed i sorrisi delle donne all'estro che non sanno cosa sia l'amore

e ho visto lacrime di gioia
nutrire calde i passi dei bambini
e abbeverare le campagne
e poi macinare il grano nei mulini

e la mia vita canta d'amore
il mio sangue è pazzo d'amore

ho visto il sole restare al buio
e gli animali rimanere in branco fiutando il cielo più sicuro
ho visto inverni piegare gli alberi
e setacciare al grembo con le mani
cercando polvere
e ho bestemmiato iddio
perchè non si fa mai vedere
e ho perso falangi nei combattimenti
e nelle fabbriche

ma la mia vita canta d'amore
il mio sangue è pazzo d'amore

e poi ho visto l'istante
e l'immenso assordante accecante silenzio
delle anime arrese tendere gli archi
trafiggendo i poeti
cavalcando i deserti delle idee
e offrendo pane, talismani e monete
amando invano
e ho visto il sogno
lo stesso sogno
nelle tue mani

Andromeda maria

Sono pazzo di te
disse l'uomo e poi voltandosi
ruppe in mille pezzi un bicchiere
ferito di ambrosia e di amore

nel sangue dei profeti una spada vive di incomprensione
gli disse la sposa tendendo le gambe
e curvandosi al suolo
io sono l'invenzione che salva e ti sfugge
tu sei le armi che porti sui fianchi
trascinandoti nella polvere

e inseguire ogni cosa perchè non si possa afferrare
come i fiori che baciano gli alberi
ed amare ogni cosa perchè non c'è altro da fare
in un giorno qualsiasi nel traffico

tu sei pazzo di me
rubi il fuoco per sedurmi
io sono sacra e nascondo il mistero
bevi dalla mia bocca perchè
io sono miele e vita e ti seguo per accogliere
il padre, il guerrigliero e l'avaro e l'assassino
e la madre che è in ogni bambino

e inseguire ogni cosa perchè non si possa afferrare
come i fiori che baciano gli alberi
ed amare ogni cosa perchè non c'è altro da fare
in un giorno qualsiasi nel traffico

Achab in new york

E improvvisamente il silenzio
lasciò parlare l'amore
così lontano dalle nuvole
così vicino al mare
come affrontare l'impossibile che pure vuoi toccare
come le stelle che si attraggono per esplodere e creare

e imparare a memoria i dipinti
per quando non potrai vedere
e baciarsi le labbra nel sonno
sentire il sapore gridare
che il tormento ha piegato degli uomini
e che ad altri ha insegnato a guidare
come le stelle che si assaltano per esplodere e creare

inventa e spara per sentirti libero
fai del silenzio un crimine
è semplice
non dare alcuna spiegazione
la febbre è così dolce, la vita è avara
non dare alcuna spiegazione

l'avete fatta pagare a mio padre
e a quelli che come lui
hanno creduto alle parole perfette
e alle dighe per togliere la sete
e al mio maestro elementare
che mi parlava delle stelle
e del rispetto per chi giudica
e dell'amore per chi non ha niente

ma io sono molto più veloce
e non mi prenderete mai
perchè sono legato alla terra
e alla terra mai mi slegherei

inventa e spara per sentirti libero
fai del silenzio un crimine
è semplice
non dare alcuna spiegazione
la febbre è così dolce, la vita è avara
non dare alcuna spiegazione

Sartre monstre

E' il giorno
sale immobile
versando innocenza sulle nuvole

La luce cancella il rumore
le macchine pensano
che tutto sia purissimo
purissimo

cristallo sulle palpebre
ed alcool che eleva la vita e le pallottole
rimbalzano sulle pareti che cosa puoi perdere
se tutto sembra inutile

il re è infallibile
nel centro esatto
il corpo in vendita versato il sangue
e se non vuoi nemmeno l'ombra di un sogno
e l'abitudine al margine è il solo tuo desiderio

rivedrai i tuoi occhi delicati nel deserto
quando non avrai più un nome
ma solo fame di tramonti e di cavalli imbizzarriti
privi di velocita'

abusare d'alcool come flusso di coscienza
quando stai tremando per la tua esistenza
scrivi dei tuoi occhi delicati nel deserto
senza velocita'

e il giorno sembra sciogliersi
tramonta nel rosso rubino la neve setto i tram
la giovane donna al tuo fianco al silenzio è impazzita
negli occhi in cui stava dormendo scoperta e ferita
e intanto resti immobile

il re è infallibile
e' il centro esatto
il corpo in vendita versato il sangue
e se non vuoi nemmeno l'ombra di un sogno
e l'abitudine al margine è il solo tuo desiderio

Good morning, mr. monroe!

Dove sei?
Dove siamo?
Tutti in fila a scegliere
uno stile che decide per noi

dominando il nulla il passato non si cancella
ma si doma con la masticazione

ed abbiamo dimenticato lo spazio che sta intorno
ed il corpo è più vorace di noi

nell'occhio trasparente
che aspetta di vedermi scopro altri nuovi avvenimenti

as a game
the game is lost
as a game
the dream is gone
as a game
the game is lost again

as a game
everything is lust
everything is passed
everything is done
as a game
the game is lost again

dentro la lingua che cerca di descrivermi
scorre l'autopsia di domani
di giorni da divorare
di notti da baciare
non sai capire ma dovrai ingoiare

as a game
the game is lost
as a game
the dream is gone
as a game
the game is lost again

as a game
everything is lust
everything is passed
everything is done
as a game
the game is lost again

dove sei?

Dove siamo?

Tutti in fila a scegliere
uno stile che divide anche noi

as a game
the game is lost
as a game
the dream is gone
as a game
the game is lost again

as a game
everything is lust
everything is passed
everything is done
as a game
the game is lost again
I

Date fuoco

E' stato semplice eliminare l'uomo per le macchine?
E' così semplice? Chiedevano
chiudendosi la bocca per non ridere

e' stato molto semplice
riempire le avanguardie pallottole
o non sapevi leggere?

O almeno interpretare i segni?

Il primo dice che è stato lui
a ricoprire il mondo di automobili
e il terzo dice che non si vedeva niente

e al taxista piacque molto questa storia
dio vi assista, date fuoco, pace e gloria

e' stato lui!

dicevano i mercanti d'arte
a trafugare i quadri nelle sale dell'imperatore

e' stato lui, dicevano
a mettere esplosivo in sala macchine
sul new york- detroit

e al taxista piacque molto questa storia
dio vi assista, date fuoco, pace e gloria

e' stato lui!

dicevano i mercanti d'arte
a trafugare i quadri nelle sale dell'imperatore

e il regista pianse molto a questa storia
e il regista pianse molto

Johnnie and Jane

Lei se ne ando' via
lasciandolo nel sonno
e in fretta
scrisse una lettera
chiedendogli di non cercarla

johnnie torno' a credere
che cio' che inizia non finisce mai
e lui sa che tutto e' vero
che lei non tornerà mai piu'
e posa i fiori sopra il marmo bianco
e aspettera' e aspetta ancora

e all'alba scendere
uscire nelle strade amando l'amore che non c'e'
puntare tutto sul vincente
jane dovette ammettere
che chi non gioca non perde mai

e lei sa che tutto e' vero
che i soldi non ci sono piu'
tiene la testa tra le mani e piange
e aspettera' e aspetta ancora

e lui sa che tutto e' vero
e anche se non ce la piu'
la fa salire su un cavallo bianco
e non
e non ha piu' paura

lei non ha piu' paura


Il mare e' bellissimo

Il mare e' bellissimo
e' scritto dagli uomini
le dita per leggere ne svelano il codice

poi costruirono Atlantide
io mi coprii gli occhi
per non farmi prendere
ma è stato impossibile

essere sazio e purissimo,
così non ebbi paura
ed inghiottii delle capsule
per evitare il dolore ed ogni sfumatura
e la citta' sorse liquida
enorme e senza ragione
il genio dimentica sua figlia in prigione

e in tanto spreco di respiro umano
e intanto controllare gli occhi
e in tanto peso
troppo il peso
il filo e' teso
e nei traccianti delle munizioni
che danno luce all'orizzonte
la solitudine che morde e mette sete
mette sete

e un viaggio senza destinazione
significa
destinazione

così restammo in pochissimi
ed io mi misi a chiamare
ma non avendo risposte
incominciai a camminare

perche' anche i ciechi dipingono
senza una vera ragione
per sentire il margine
per lasciarsi vivere

e vide un mondo freddissimo
e nell'immaginazione
le curvature del ghiaccio
le nervature di un nome

l'indecisione dei semplici
le navi in esplorazione
ed in un sogno bellissimo
sogno' di fare di nuovo l'amore

e intanto si e' fatto tardi
e tardi diventa legge
e attendere un'attesa sempre attesa

e intanto si e' fatto tardi
contando gli ultimi istanti
provo' ad invocare i santi

e vide un'alba bellissima

un viaggio senza destinazione
significa
destinazione

L'invasore

Se penso alla maniera di amarti
solo semplicemente
lontana e' la mia mente
prima di toccarti con le dita di pietra
immersi in una realtà diversa

dopo, respirare con l'affanno
di chi ha cercato l'altra parte dell'inganno
e' dura indebitarsi pensando
che niente e' tuo. E' mio

se credo all'importanza delle mani
nella preparazione del tuo piatto forte
semplifico la morte meta dei perdenti
e amido nei denti,
butto giu'

andiamo via, ma chiudi in una scatola il tuo cuore
metti un fiocco all'impostore
che ci ha spedito dio

non tutto il bene e' nelle porte accanto
solo distrattamente guardiamo quella gente
essendo certi che la loro fortuna
sia data da un' opportunita' diversa

dopo dialogare con il danno
di chi ha trovato l'altra parte dell'inferno
e la rabbia a ribellarsi mostrandoci
che niente e' tuo. E' mio

andiamo via, ma chiudi in una scatola il tuo cuore
metti un fiocco all'impostore
che ci ha spedito Dio

andiamo via, ma chiudi in una scatola il tuo cuore
dallo in pasto all'invasore
che ci ha spedito Dio



Commenti (1)

  • Federico Doria 10/07/2012 ore 22:28 @elsenorpablo

    quelli di Benvegnù sono i migliori testi che si possono leggere nella musica italiana degli ultimi tempi, insieme a mister Capossela.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Max Casacci ha invitato la RAI a inaugurare un canale dedicato alla musica indipendente