Ultimo aggiornamento di Claudio Baglioni disponibile

Oggi il recordman italiano compie 24 anni, sufficienti per riempire stadi come nessun altro. Il segreto? Il suo stile melodrammatico che più italiano non c'è, e lo stile pettoruto figlio dei tempi
27/01/2020 15:45

Cosa facevate a 24 anni? Cosa avreste voluto fare a 24 anni? Niccolò Morriconi in arte Ultimo li compie oggi ed è uno dei cantanti più famosi in Italia, collezionista di dischi di platino e di primi posti in classifica. Se volete la sua biografia, andate pure su Wikipedia, qui cerchiamo di capire perché il cantante Ultimo piaccia così tanto. Nel nostro sondaggio Musica e teenager, Ultimo è risultato l'artista che ha avuto più voti nel campione di 120 ragazze e ragazzi dai 12 ai 18 anni, quindi abbiamo toccato con mano il suo incredibile successo, e la parola incredibile non è messa lì a caso per fare scena.

Sbaraglia tutti i record: 43 dischi di platino e 19 dischi d'oro in carriera, nel 2019 ha piazzato due album in top 5 dei dischi più venduti, l'unico melodico in mezzo a tutti rapper (Salmo, Machete, Marracash), di cui Colpa delle favole al primo posto, certificato FIMI, con una media di 30-40 milioni di ascolti a pezzo su Spotify e altrettante visualizzazioni su YouTube.

Cenni di storia: Ultimo ha tentato la strada dei talent con Amici e X Factor, ma non è stato mai preso, quindi ha deciso di andare per la sua strada, pubblicando i pezzi su YouTube prima, e poi percorrendo la strada dell'hip hop. Poi la lascia per diventare un cantante di musica leggera, che apre i concerti di Fabrizio Moro. Poi ancora album e il trionfo: la vittoria a Sanremo Giovani nel 2018, il secondo posto a Sanremo Big nel 2019 con contorno di endorsement di Salvini ed epica rosicata contro Mahmood che ricordiamo tutti.

Gli ultimi mesi sono stati da superstar: il concerto allo Stadio Olimpico a Roma davanti a 64mila persone, l'ospitata d'onore alla finale di X Factor 2019 e, per finire, lo sbigliettamento del tour trionfale di 14 stadi nell'estate del 2020, di cui quattro date sono già sold out a gennaio. 

Momento, riflessione: 14 stadi in Italia non li fanno gli U2 o i Coldplay, non li ha mai fatti David Bowie e neanche Fabrizio De André. Cesare Cremonini c'ha messo 20 anni di carriera per fare uno stadio, Ligabue non ne riempie più uno neanche a regalare i biglietti. Un successo paragonabile solo a quello di Vasco. Alla faccia del (cazzo, ma anche del) fenomeno teen, viene da pensare. Ultimo piace proprio, e anche tanto. Lui lo sa bene e si fa forte del suo nickname ossimòrico per dichiararsi primo, con un certo atteggiamento vittimista e pettoruto allo stesso tempo. Attitude figlia dei nostri tempi, che piace un sacco ai più giovani e che lo collega al mondo trap, anche se c'azzecca poco.

Capire il motivo del suo successo non è poi difficile: è un bel ragazzo, che incorpora gli occhi dolci tipici del piacione di Amici con i millemila tatuaggi da borgataro cresciuto senza le carezze, in più canta l'amore all'italiana, quello melodrammatico dei Baglioni, degli Zarrillo e dei Masini, del disimpegno e del sentimento che sovrasta qualsiasi cosa.

Questo è il suo punto di forza, che lo fa piacere a due target di solito in contrasto tra loro: figlie e mamme, che affollano i suoi concerti e finiscono senza voce, col mascara sciolto e il biglietto incorniciato. L'amore che finisce male, che rende malinconici o addirittura inconsolabili e folli, ma anche felici come sciocchi, nella tradizione che inizia dalla romanza, passa attraverso Claudio Villa e Massimo Ranieri, approda al pop con mille soluzioni  e culmina negli ultimi anni con gli aggiornamenti di Tiziano Ferro prima e Tommaso Paradiso poi. 

Last but not least: ha talento, e anche se non mi piace la sua musica, non a caso tutti i più grandi gli riconoscono questa dote, da Tiziano Ferro ad Antonello Venditti, passando per il citato Cremonini. Forse c'entra qualcosa anche la sua attitudine piuttosto populista, che in questo periodo funziona sempre parecchio, unita ad una certa spocchia di chi sa che sta conquistando l'Italia, e ancora non gli basta.

Praticamente, un rapper che invece dell'autotune e delle parolacce, piace anche ai genitori, quando suona il piano e canta: "Se solamente Dio inventasse delle nuove parole, potrei scrivere per te nuove canzoni d'amore e cantartele qui". Ci manca solo il jingle della pubblicità che dice "Ti piace vincere facile", altro che "l'inspiegabile trionfo del rapper poeta". 

---
L'articolo Ultimo aggiornamento di Claudio Baglioni disponibile di Simone Stefanini è apparso su Rockit.it il 27/01/2020 15:45

Tag: opinione

Pagine: Ultimo

Commenti (13)
Carica commenti più vecchi
  • Antonella Bonija Tempesta 19 giorni fa

    Volevo scrivere il commento ma mi è uscito vuoto..cmq chi ha detto che Ultimo non è stato preso nei talent perché non è bello.. Mamhod che è entrato ad Amici lo è?Cmq Ultimo ha successo perché canta con l'anima e a me piace tanto per questo

    > rispondi a @stormyanto80
  • Federica Coruzzi 19 giorni fa

    Unico dato oggettivo dell’articolo è che Ultimo riempie gli stadi e le persone ascoltano la sua musica. Tutto il resto un’accozzaglia di chiacchiere infondate basate per lo più su pregiudizi (vedi il commento sui tatuaggi) e poi chi sarebbe il populista? Se non vi piace non siete costretti a parlare di Ultimo, ognuno è libero di dare la propria opinione ma senza avere la presunzione di sapere A) cosa pensa la gente, B) se piace in quanto populista (su che base poi) C) non è che per caso è l’invidia quella che parla?
    Intanto che lui riempi gli stadi, state qui a rosicarvi i gomiti. Ciaooo

    > rispondi a @f.coruzzi97
  • antopizzuto 18 giorni fa

    Federica Coruzzi urca peppa! Infatti "se non ti piace l'articolo non sei costretta a leggerlo o commentarlo". Come vedi il tuo approccio é contestabile e non porta da nessuna parte. Non conosco una sola canzone di sto Ultimo, sará perché sono un vecchio brontolone che si rifugia nei The National per non pensare alla etá che passa.... non voglio giudicare la musica, quindi. Ma il concetto che se piace alla gente é OK. Nei secoli gli stadi (o i teatri, gli anfiteatri, etc.) sono stati riempiti via via da artisti, politici, etc. di cui oggi diciamo talvolta UN GRAN MALE. Che piaccia alla gente non vuol dire nulla, a mio avviso. Van Gogh era uno sfigato che non vendeva un quadro. Sai chi erano i best-sellers suoi coetanei? No? Beh, neanche io, perché li abbiamo dimenticati tutti. Ultimo si goda il suo successo, tu la sua musica, ma lascia agli altri il diritto di chiedersi il perché..

    > rispondi a @antopizzuto
  • antopizzuto 18 giorni fa

    Federica Coruzzi urca peppa! Infatti "se non ti piace l'articolo non sei costretta a leggerlo o commentarlo". Come vedi il tuo approccio é contestabile e non porta da nessuna parte. Non conosco una sola canzone di sto Ultimo, sará perché sono un vecchio brontolone che si rifugia nei The National per non pensare alla etá che passa.... non voglio giudicare la musica, quindi. Ma il concetto che se piace alla gente é OK. Nei secoli gli stadi (o i teatri, gli anfiteatri, etc.) sono stati riempiti via via da artisti, politici, etc. di cui oggi diciamo talvolta UN GRAN MALE. Che piaccia alla gente non vuol dire nulla, a mio avviso. Van Gogh era uno sfigato che non vendeva un quadro. Sai chi erano i best-sellers suoi coetanei? No? Beh, neanche io, perché li abbiamo dimenticati tutti. Ultimo si goda il suo successo, tu la sua musica, ma lascia agli altri il diritto di chiedersi il perché..

    > rispondi a @antopizzuto
  • Viviana Possenti 4 giorni fa

    Finalmente un articolo non condizionato e non condizionante..;) Ultimo non mi è mai piaciuto...qualche canzone è carina lo devo ammettere ...ma cantata da lui no per carità ...voce stridula e spesso stonata...mi riesce veramente incomprensibile tutto questo successo di vendite...forse è un prodotto commerciale creato ad ok ???Mistero!!!!

    > rispondi a @vivi74_p
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati