Valerio Spada racconta un suo bellissimo scatto a Vinicio Capossela Rubrica

Vinicio Capossela in uno scatto di Valerio Spada - Vinicio Capossela in uno scatto di Valerio Spada -
07/12/2015 di

Da sempre musica, fotografia e racconto si sono mescolate e unite dando vita a storie bellissime e preziose. 
Dentro ai tuoi occhi è la rubrica di Rockit che vi propone uno scatto dei grandi della fotografia musicale italiana, raccontato dalla prospettiva del suo autore. In questo appuntamento, Valerio Spada ci ha raccontato la storia di un suo scatto a Vinicio Capossela.

Ho scelto una delle prime che è saltata fuori lavorando ad un libro di fotografie su Vinicio che uscirà il prossimo anno con Skira Editore, un libro particolarissimo, un libro che contiene altri libri, un lavorone che racchiude 18 anni di fotografie fatte insieme ed un suo racconto che parla quanto le immagini, le supporta e le incrocia ed attraversa. 

Ci sono due ragioni principali per le quali scelgo questa fotografia tra le decine di migliaia scattate negli ultimi quasi venti anni.

Questa fotografia riassume una giornata perfetta. La mattina eravamo nella riserva indiana a Tucson, in Arizona, con Howe Gelb, in un posto incantevole, dove, cosa che succede raramente, pioveva a dirotto, permettendoci ancora una volta di fare ottime fotografie grazie al caso. E la sera eravamo qui a Los Angeles, davanti al mare, in un tramonto incantevole. Tramonto che se Vinicio avesse ascoltato me, avremmo perso. Perché fu lui a dire proviamoci, andiamo, sono solo venti minuti, andiamo verso il mare. Io guardai fuori, e con tutta l’esperienza e la saccenza di chi fa foto da molto tempo dissi, ma no, non ce la faremo mai, arriveremo col buio. In effetti arrivammo col buio o quasi, ma era un buio bellissimo. Riuscimmo a trovare gli ultimi cinque minuti di luce incredibile. Feci pochissimi scatti perché dopo avrei dovuto usare il flash per forza di cose. E prima del suo “Mai foto davanti al mare!”, che come molte frasi di Vinicio sembrano già dei titoli di libri o di una canzone, scattammo questa fotografia. Penso di poter dire che non sapesse neanche di essere fotografato in quel momento.

Si va sempre per vie incognite. Che sono alla fine le uniche che conosciamo.

(Valerio Spada)

 

 

Tag: rubrica

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Claudio Meloni racconta un suo bellissimo scatto a Ivan Graziani