Largo all'Avanguardia - dal 1989

Sul finire degli anni Ottanta a Cremona c'erano gruppi blues, metal e di rock italiano. Gli Avanguardia nascono nel 1989 con l'intento di fare una musica diversa, che fosse di rottura rispetto alla scena cittadina. Canzoni brevi, fatte di pochi accordi e con testi ironici rigorosamente in italiano. Basso, batteria, chitarra e voce: la cosa più semplice del mondo. L'ispirazione viene da Ramones e Skiantos, la tecnica è secondaria, conta l'atteggiamento. Dopo i primi concerti viene registrato il primo demo, "Noi non siamo", autoprodotto nel 1990: le recensioni di alcune fanzine permettono di estendere l'attività live e di incidere un pezzo per la compilation "La terra vista dalla luna".
Cambia il chitarrista e la musica si contamina con il rap e lo ska, una sezione fiati di tre elementi permette di arricchire ulteriormente il suono. Nasce così "A prueba de agua", autoproduzione del 1992. I concerti si fanno numerosi così come le recensioni su fanzine e riviste (Blast, Rockerilla, Metal Shock), cominciano timidi contatti con case discografiche indipendenti. Purtroppo sul finire del 1993 il cantante lascia il gruppo, i successivi sostituti non riescono a dare la continuità necessaria al grande salto e dopo varie vicissitudini si decide di sciogliere il gruppo.
A distanza di circa vent'anni l'Avanguardia torna in pista: Bruso, Davide, Gian e Gio vi aspettano sotto il palco!