Barock Project una band di rock progressivo e sinfonico che ha rivoluzionato il connubio tra classica e rock con sonorità moderne e linguaggio globale

L'idea di Barock Project nasce dal desiderio di combinare le più belle e perfette strutture della musica classica (principalmente musica barocca) con lo stile rock e l'armonia jazz, sostenuta da una struttura pop con l'intenzione dichiarata di rinnovare l'amore per il progressive rock degli anni '70.
Il fondatore del progetto è il tastierista Luca Zabbini, pianista e compositore.
La sua passione per il celebre tastierista Keith Emerson (ELP), ha alimentato il suo desiderio di comporre e suonare una gamma completa di stili, dalla musica classica al rock e jazz.
Nell'estate del 2004, con Giambattista Giorgi, giovane bassista influenzato dal rock con grande passione per il jazz, e il batterista Giacomo Calabria forma la band.
Subito dopo un lungo tour europeo con "Children of the Damned" e il cantante degli Iron Maiden Paul Di'Anno, Luca Pancaldi entra nella band come voce solista.
Nel gennaio 2007 la band si esibisce dal vivo a Bologna (Italia) con un quartetto d'archi, su partiture scritte da Luca Zabbini, rilasciando un DVD intitolato "Rock in teatro".
Nel dicembre 2007, pubblicato dalla Musea Records, esce il primo album "Misteriose Voci". Il primo impatto è positivo e l'interesse si sviluppa su base internazionale, acquistando una connotazione di "Progressivo Italiano" dati i testi in lingua Italiana.
Nell'estate del 2009 la band rilascia il secondo album "Rebus", con l'etichetta italiana Mellow Records, con ottime recensioni da tutto il mondo. La musica si evolve secondo gli schemi del progetto in un rock internazionale contaminato dalla classica, ed i testi sono ancora in Italiano, eccetto una traccia.
Nel marzo 2012, pubblicato dalla etichetta francese Musea Records, la band rilascia il terzo album "Coffee In Neukölln", con testi in lingua inglese per l'apertura a nuovo pubblico internazionale. La risposta è immediata, con decine di migliaia di visualizzazioni del videoclip sulla rete e vendite del CD in molti paesi, ed i primi inviti a partecipare a rassegne musicali di livello in Italia (Live in Crevalcore e Festival di Veruno).
Nella band fanno il loro ingresso due nuovi musicisti: Marco Mazzuoccolo alla chitarra e Eric Ombelli alla batteria. In questa formazione i Barock Project fanno la loro apparizione live nel Veruno International Festival, riscuotendo immediato successo di pubblico e stampa specializzata.
Sulla scia di questa energia di consensi si apre un lungo periodo di composizione e gestazione del quarto album con la svolta dell'entrata nella scuderia artistica STARS OF ITALY (Vittorio De Scalzi, New Trolls, Gnu Quartet, Paul Whitehead ) e la scelta di un manager.
Giambattista Giorgi lascia la band e viene rimpiazzato al basso (in studio) da Luca Zabbini e dal vivo da Francesco Caliendo.
Nasce SKYLINE, quarto album in CD, pubblicato il giorno 8 Giugno 2015.
Questo lavoro di 70 minuti pieni di musica suddivisa in 10 tracce, è l'affermazione dei Barock Project. A partire dal prestigioso riconoscimento delle due partecipazioni di ospiti quali Vittorio De Scalzi (fondatore e leader dei NEW TROLLS) alla voce e flauto sulla canzone SKYLINE, e Paul Whitehead (disegnatore delle più famose copertine dei Genesis di Peter Gabriel e album storici del rock mondiale) che firma la copertina del disco.
Prenotazioni e vendite in 34 paesi del mondo, tanto da terminare due intere tirature, in una produzione indipendente sostenuta dal management del gruppo e dagli stessi musicisti. Nel Maggio 2016 viene pubblicato (etichetta ARTALIA) il primo live della band in un doppio cd dal titolo "VIVO" contenente due ore di musica dei primi 4 album e registrato in Italia nella seconda metà del 2015. E' uscito il 20 Marzo 2017 il quinto album da studio "DETACHMENT", 75 minuti di musica che punta diretto all'animo dell'ascoltatore. Luca Zabbini fa il suo esordio come lead vocalist affiancato in due brani dalla voce fantastica di Peter Jones, vocalist multistrumentista britannico. Un album tutto da ascoltare