Baustelle - L'uomo del secolo testo lyric

25/05/2020 - 10:01 Scritto da Baustelle Baustelle 2K

TESTO

All'epoca mia venivi al mondo e la libertà non esisteva. E la Prima Guerra era finita. Fiume era già stata conquistata. Alle scuole elementari c'era poco da scherzare. Si rideva e si ballava solo per la mietitura. All'epoca mia il telefono non c'era. Mi arruolarono. Era quasi primavera. E le radio ci trasmettevano canti di paura. Da cantare quando è sera. Quindi disertai. Era il '43. Ed eccomi qui: un vegetale. Cento anni non portati male. Lascio il mondo che mi ha maltrattato. Me ne vado, mi sono stufato. Vi ho voluto bene. Adesso vado. Sono stato un comunista. Avevo un sogno. Una speranza. Arrivederci, amore. Addio. All'epoca mia non usavi il cellulare. Mi arruolarono. Non si stava così male. Ma le radio ci trasmettevano canti di paura da cantare quando è sera. Quindi me ne andai. Era il '43.

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano L'uomo del secolo di Baustelle:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone L'uomo del secolo si trova nell'album Amen uscito nel 2007 per Atlantic Records, Warner.

Copertina dell'album Amen, di Baustelle
Copertina dell'album Amen, di Baustelle

---
L'articolo Baustelle - L'uomo del secolo testo lyric di Baustelle è apparso su Rockit.it il 2020-05-25 10:01:04

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia