Blanket Fort è un progetto nato un po’per caso e un po’ per esigenza, tra la mia cameretta a San Gemini -il piccolo paese in cui vivo e sono cresciuto- e quella di Giulio Ronconi ( Hey Saturday Sun ) dove ho passato gli ultimi anni dell'adolescenza, che purtroppo o per fortuna non è ancora finita.

Il mio primo approccio con la musica è stato alla tenera età di sette anni, quando mia madre mi costringeva ad andare a lezione di pianoforte tutti i martedì appena pranzo, mentre invece avrei preferito vedere Dragon Ball come tutti i bambini o comprarmi cinque euro di Goleador dal tabaccaio sotto casa.

Il mio secondo approccio c’è stato a quindici anni, quando ho iniziato a suonare la chitarra di papà e mio fratello mi insegnava i pezzi degli Incubus ed ho iniziato ad andare a lezione al Pan Pot, una scuola di musica di Terni dove ho suonato per la prima volta con altre persone.

Il mio terzo importante approccio è stato a diciassette anni, quando ho cominciato a suonare con i Don Boskov prendendo parte per la prima volta alla scrittura di un pezzo e alla registrazione di un EP.

Oggi ho diciannove anni e Blanket Fort è il più recente mio approccio alla musica, ho scritto il primo EP ( The Best You Can Is Good Enough ) ad ottobre 2014, poco dopo gli esami di maturità.
A novembre 2014 ho suonato per la prima volta dal vivo, alla Taverna Del Torchio, durante una serata di Degustazioni Musicali. A marzo 2015 ho accompagnato Old Seed per alcune date del suo tour italiano e il 19 maggio scorso sulla spiaggia ho vinto il contest di Indiepolitana.