Strofe, ritornelli e rumore.

Il progetto Borderline - rumorosa anima alternative rock squarciata da bagliori pop - nasce nel cuore della provincia napoletana nel pieno degli anni zero. Nel Febbraio del 2011 la band esordisce con l'Ep "Bere Fuoco", coprodotto con la copyleft label Subcava Sonora, il cui Tour promozionale li porta a condividere il palco con alcuni numi tutelari della scena alternativa italiana, quali Giorgio Canali e Perturbazione. Dal disco viene estratto il singolo "Strofa e Ritornello", il cui videoclip, firmato da Marcello Saurino (Assalti Frontali, Rein), ottiene un enorme riscontro di pubblico. Nell'Ottobre del 2011 i Borderline modificano la line-up, sostituendo Fulvio Cirace e Nunzio Garofalo con Giovanni Santoro (già bassista dei Pennelli di Vermeer) e Andrea Confessore (giovane e talentuoso batterista). La band, forte di una nuova quadratura, si rimette forsennatamente a lavoro, ripensando ex-novo l'intero processo creativo. Questa nuova presa di coscienza porta i Borderline a maturare la decisione di non rinnovare la collaborazione con la Subcava Sonora: la necessità di gestire il progetto artistico nella sua interezza, conduce la band sulla strada dell'autoproduzione, affidando la cura del Booking e dell'Ufficio Stampa all'agenzia "Wasabee"