Borghese - Ascolta e Testo Lyrics Cosa Hai Da Guardare?

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Cosa hai da guardare?
Accendi la televisione, mi va bene ogni canale, purche togli l’audio
Questo lei mi disse con i pugni dentro gli occhi poi si alzò per far suonare un vecchio disco di Nick Cave
Perversa come scelta di mattina appena sveglia
Poteva esser perversa ancor di più quando voleva
Tirando giù il lenzuolo che si avvolse attorno il corpo
aprì di scatto quel cassetto
Armeggiò per due minuti dandomi le spalle spigolose
Rumore di metallo sul legno
Rumore
Diede uno strattone, tirò giù il mento, per tenerci fermo qualcosa e aprì il cassetto di nuovo
Fece rumore, come di accendino che funziona
Era cosi bella era così bella
Come verità che non si svela
Allora si girò a tre quarti e finalmente fui davvero pronto per capire con chi ero stato quella notte
Avevo le mascelle piene di pesanti pietre
Ma non dissi proprio nulla
per non farle capire di essere
Il bambino che ero
Il bambino che ero
Neanche una parola che mi uscisse con coraggio dalla gola
Solo saliva che scendeva che scendeva
Sembrava cosi esperta, consumata dal già fatto
Tanto tutto il movimento era lento e misurato
Mentre Nick Cave trovava le note più basse che si potessero estorcere ad una corda vocale
Si accasciò sul letto delicatamente e planò sulle coperte accartocciate, in maniera quasi artistica
Il lenzuolo le si sfilò di dosso e ritornò ad esser nuda
Io ancora là.
Io ancora là.
Come un beduino in mezzo al proprio deserto, o un rimorso nella testa di un assassino
Neanche una parola che mi uscisse con coraggio dalla gola
Solo saliva che scendeva che scendeva nella gola

Album che contiene Cosa Hai Da Guardare?

album L'Educazione Delle Rockstar - BorgheseL'Educazione Delle Rockstar
2013 - Cantautore, Rock, Indie TouchClay
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati