Cd Cabruja
Cd Cabruja
Cd Cabruja

Cabruja / CD

Cd Cabruja

L’album di Cabruja rappresenta un viaggio a molteplici livelli. Dal Venezuela all’Italia, dagli anni
formativi dell’adolescenza all’et  adulta conclamata, dall’amore alla solitudine, dalla mera
esistenza alla consapevolezza di se stessi, dalla vita alla morte.
Inoltre, Cabruja fa un omaggio agli artisti e alle canzoni che l'hanno accompagnato durante la
sua vita, interpretandole in chiave personalissima e intima. I brani sono legati da un sottile filo
rosso non subito apparente, ma che intercetta sensazioni e immagini che fanno parte del
mondo dell’artista.
I brani inediti in particolare, scritti da Cabruja stesso, parlano del dialogo tra “un prima” e “un
dopo”, un passaggio difficile ma necessario per l’evoluzione della persona; cos  come
l'inevitabile lutto da elaborare quando si lascia indietro una parte di se stessi.
L’atmosfera drammatica creata dagli arrangiamenti di Giancarlo Di Maria e Cristiano Alberghini
risulta talvolta epica e profondamente malinconica grazie all’esecuzione magistrale dei musicisti
che fanno parte di questo progetto.
Track by Track:
1 Father Lucifer Brano di Tori Amos, album Boys for Pele (1996), di cui sono un
profondo fan. La ricerca e la consapevolezza delle diverse
sfaccettature di se stessi; alcune pi  all’ombra , ma che alla fine
portano luce. In fondo, Lucifero vuol dire proprio quello.
2 Lisboa Tbilisi Brano scritto durante il lockdown,   un dialogo tra il Cabruja di
un prima e il Cabruja di un dopo. Parla, tra altre cose, di viaggi,
di aspettative, disincanto, trasformazione e
fondamentalmente, di pazienza con se stessi.
3 Gloomy Sunday Brano di Rezső Seress; nella sua versione originale in
ungherese (1933) e popolarizzata soprattutto da Billie Holiday
nella versione in inglese (1941), ma interpretata da tantissimi
artisti come Bj rk e Diamanda Gal s. Canzone maledetta che  
diventata una specie di mito urbano poich  si sosteneva che
chiunque ascoltasse la canzone fino la fine, si suiciderebbe
dovuto alla profonda tristezza del testo e la melodia. Tromba di
Paolo Fresu.
4 B Line Brano dei Lamb, album Fear of Fours (1999). B Line   stato il
seme di l’album intero: brano elettronico, voce femminile,
estrapolato in chiave un po’ jazz un po’ crooner, al maschile.
5 La Corazonada Segundo brano inedito di Cabruja,   l’elaborazione di un lutto
costante, causato dalla morte che si vive ad ogni istante
mentre si percorrono le strade di Caracas, riportando le
vecchie melodie e sonorit  della citt .
6 Unravel Brano di Bj rk, album Homogenic (1997). Risuona tantissimo
a livello personale, un’altro passaggio dal femminile al
maschile, da un originale pi  crudo a una cover pi  romantica
e elaborata.
7 Mi querencia Brano di Sim n D az (1974) e forma parte della musica
tradizionale “llanera” del Venezuela. Contatto con le proprie
radici e con aspetti personali.
8 All Mine Brano dei Portishead , album Portishead (1997). Un altro
seme importante di questo disco. Ossessione in chiave
maschile con un arrangiamento quasi diabolico, ma anche
molto cinematografico.
9 Alfonsina y el mar Brano scritto dagli argentinos Ariel Ram rez y F lix Luna, e
interpretata da Mercedes Sosa (1969). Omaggio alla
poetessa Alfonsina Storni, chi nel 1939 si suicid  gettandosi
al mare da uno scoglio; dopo seri problemi di salute.
Capolavoro della musica latinoamericana, tragico quanto
bello.
Crediti Disco:
Produzione Artistica e Arrangiamenti
Giancarlo Di Maria
per Parametri Musicali Snc
Produzione Esecutiva Raul Girotti per
Over Studio Label
Registrato e Mixato da Angelo Paracchini c/o Over
Studio – Cento
Masterizzato da Nicola Fantozzi c/o studio Level
Mastering -Bologna
Brano “All Mine” arrangiamento ,
programmazione computer
Tastiere, El. Piano, scrittura archi: Cristiano Alberghini
Voce leader e voci aggiunte : Cabruja
Batteria , percussioni : Iarin Munari
Basso elettrico : Marco Dirani
Chitarre Elettriche, Chitarre Acustiche, Ukulele,
Mandolino : Antonello D’urso
Pianoforte : Denis Biancucci
Programmazioni computer, tastiere, El. Piano, Sint
,Bass: Giancarlo Di Maria
Voce in background “ Father Lucifer”:
Michela Tassinari
Tromba solista e trombe aggiunte in ”Gloomy Sunday”:
Paolo Fresu
Archi scritti e diretti da Giancarlo Di Maria
1  Violino , 2  Violino, Viola- Valentino Corvino-
Violoncello -Sebastiano Severi – Contrabasso- Marco
Forti
Edizioni Musicali brani n 2-5 Raul Girotti
Editore/Parametri Musicali Snc
Edizioni Musicali :
brano 1 Sword And stone Pubblishing inc/Di Pi  Srl
brano 3 Budapest Music Publisher/SugarMusic Spa
Brano 4 Warner Chappell Music Ltd
Brano 6 Calidos Producciones artisticas Cdm sa
Brano 7 Universal Music Publisher
Brano 8 Chrysalis Music Ltd
Brano 9 Logos Editorial/ Warner Chappell Music
Progetto grafico Luca De Vincentis

Dallo shop di Cabruja

IL TUO CARRELLO