Del movimento dei cieli è una storia d’amore fuori dal tempo, con un inizio indefinito e un orizzonte illimitato.

Un gioco di incastri e geometrie perfette, una cosmogonia raccontata attraverso brevi passaggi.

Due persone che si completano, una il prolungamento dell’altra, rappresentano l’amore intrinseco nell’umanità. Dalla dimensione umana all’evoluzione dell’universo, il micro si riflette nel macro e viceversa.

Come un sogno proiettato all’esterno, un immaginario che scaturisce dal non-pensiero, libera le menti e si riscopre nella vita quotidiana. Anche nelle relazioni più coinvolgenti, ci sono momenti in cui la distruzione diventa creazione, fortifica ed estende la visuale. La continua evoluzione trasporta i protagonisti verso l’unione con il cosmo, con il Tutto, con se stessi.