Carmine Torchia - Testo Lyrics Il bacio del ladro

Credits Il bacio del ladro

Carmine Torchia | voci, cori, acustica, fischio, orchestrazione
Peppe Fortugno | acustica, cori, pseudotromba
Gigi Marino | contrabbasso
Alessio Frustaci | cori
Pat Legato | orchestrazione, synth, fxs
Joe Misuraca | drums

Testo della canzone

Un ladro attento e scrupoloso come me, autentico maestro dello scasso, che tutto calcola per bene e anche per sé, ché il furto sia corposo e grasso; va a lavorare col metrò, e si guarda intorno a vigilare un po’, col suo bellissimo habillé, che sembra un principe.

Alle casse dello Stato ruberò, metterò a punto il furto del secolo, ma se avessi poi voglia di te, io per un bacio mi farei acchiappar… per te!

Gli allarmi strillano; arrivano per me gli sbirri con i cani e le sirene. Ma ho avuto il tempo di spedire lettere a quelli che non se la passan bene: ci ho messo dentro fantasia, banconote e aforismi in allegria. E poi ti ho detto: ‘Bellamia, devi scappare via!’

Alle casse di Equitalia ruberò! E il commissario: ‘Assolutamente no!’ Se mi prenderete io fuggirò, mi scavo un tunnel e direte tutti: ‘Oooooh!’

‘Signor Ladro, lei è atteso al parlatorio.’ Ho pensato che trattavasi di te, ma davanti a me c’è il Capo del Governo che mi chiede sbigottito: ‘Ma perché?’ Gli ho risposto che sto bene in gattabuia, mi diverte tutto, e tutto rifarei. Poi conclude: ‘Lei è come un donchisciotte!’ Lo interrompo proclamando i piani miei.

Alle casse dello Stato ruberà, e state attenti perché lui ritornerà!

Album che contiene Il bacio del ladro

album Bene. - Carmine TorchiaBene.
2013 - Pop Audioglobe
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati