Bari, inverno 2008. L'anno sta per volgere al termine e, paradossalmente, è proprio l'inverno a portare con sè la nascita di un gruppo dal nome fin troppo esotico. Alessandro Scelsi (chitarra) e Giovanni Emiliano (voce, flauto traverso e chitarra ritmica), esuli da precedenti esperienze musicali in comune, decidono di dar vita ad un nuovo progetto, senza particolari obiettivi nè pretese, guidati esclusivamente dalla propria voglia di fare musica. È così che, consolidando la precedente intesa, musicale e umana, con Francesco Schepisi (tastiere) ed Emilio Trotta (basso), e con l'ingresso nel gruppo di Dario Modugno (batteria) nascono i Chiquita Noir. Sul nome del gruppo i componenti si pronunciano di comune accordo definendolo “un'inevitabile conferma del grado di intima perversione di ognuno”. I Chiquita Noir, dunque, vengono alla luce da una commistione confusionaria e folle di rock, blues, funky, progressive e jazz, con la composizione di brani di difficile etichettatura sotto un unico genere musicale. Forti delle loro precedenti esperienze musicali i Chiquita Noir calcano da subito vari palchi della musica emergente barese, quali il Nordwind DiscoPub, la Taverna Vecchia del Maltese e il Joy's Irish Pub, e prendono parte ad eventi come il Controfestival (edizione 2009 – New Demodè) e la Festa della Pace (maggio 2010 - Arena della Pace di Japigia ), attraverso i quali la loro musica è stata trasmessa dalle frequenze della radio cittadina “ControRadio”). Inoltre si esibiscono a vario titolo in altri contesti cittadini quali piazza del Ferrarese e il liceo classico Socrate. Si affacciano anche sulla scena provinciale partecipando nel luglio 2009 alla rassegna musicale estiva del Circolo Arci “Lebowski” di Gioia del Colle. Nel maggio 2010 i Chiquita Noir concludono le registrazioni della loro prima Demo intitolata “Suite”. Questo lavoro contiene cinque brani inediti che abbracciano diversi stili e generi musicali, frutto delle differenziatissime influenze dei componenti all'interno del gruppo. La registrazione è stata realizzata presso lo studio “0db” di Tullio Ciriello, a Bari. Il gruppo adesso è impegnato nella scrittura e composizione di nuovi pezzi nonchè nel portare la propria musica in quanti più luoghi possibile, nella speranza di poter via via crescere artisticamente, essendo per questo continuamente attenti ed alla ricerca di consigli e suggerimenti.