Dopo 28 anni i Colour Moves ritornano insieme con un nuovo disco di post-punk-pop-psichedelico

/// 1984-1987
I Colour Moves si formano nel novembre 1984 a Milano. La prima formazione vede Luca Cajelli (basso), Daniele Gavino Mura (batteria), Marco Magistrali (tastiere), Luigi “Gigi” Pecota (chitarra) e Sergio “Saccingo” Tanara (voce). Del 1986 è la nostra prima demo, una musicassetta con 4 brani: di questi A forgotten day apparirà nella compilation Zero-Zero mentre The prey comparirà nel numero Zero della fanzine Anestesia Totale. La prima apparizione live è di apertura del concerto dei Weimar Gesang nell’autunno del 1985. Da allora si succedono altri concerti in varie località
del Nord Italia. Nel febbraio del 1986 Giorgio Ciccarelli subentra alla chitarra a Gigi. Inizia una nuova fase che porterà la band ad un’ulteriore maturazione compositiva e ad una più stretta collaborazione che sfocierà nella pubblicazione del primo singolo dei Colour Moves Trees / Over falling skies (prodotto da Giacomo Spazio e Paolo Mauri per The Eternal/Supporti Fonografici, luglio 1986); un’impresa non da poco per i tempi. Si intensificano i concerti dal vivo, tra cui Codroipo UD, Centro Sociale Helter Skelter/ Leoncavallo Milano, Centro Sociale Gratosoglio Milano, Madone BG, Piacenza e che culmineranno nell’apertura dei concerti a Torino e Milano del tour italiano dei Felt e Breathless (novembre 1986) e con il concerto in Piazza della Scala a Milano (febbraio 1987). A giugno dello stesso anno registriamo Cloudlike, che apparirà sulla compilation Vinile n° 1. L’ultima incisione con questa formazione è la cover di Venus in Furs dei Velvet Underground per la compilation A tribute to Andy Wahrol, per la Crazy Mannequin Records, 1987. Nell’autunno 1987 Sergio “Saccingo” Tanara lascia la band; i rimanenti Colour Moves incidono la cover dei Joy Division Dead Souls per la compilation Something about Joy Division (Vox Pop Records, 1987) con Giorgio Ciccarelli alla voce e con il nome Sundowner. Della stessa session di registrazione fanno parte altri brani che finiranno poi nell’album dei Sundowner Heliotrope (Groan Music Records, 1992). Ma questa è tutta un’altra storia.
//// 2013-1014
Nel giugno 2013, un po’ per gioco e un po’ per caso, Luca, Daniele, Giorgio e Sergio si sono ritrovati per suonare alcuni vecchi pezzi. Da allora è stato un susseguirsi di - prima timidi - e poi sempre più convinti passi e poi consensi a questo progetto.
A fine 2013 / inizi del 2014 l’idea del disco prende definitivamente forma e nel giugno 2014 registriamo la seconda parte del disco A Loose End allo Stripe Studio di Milano con Stefano Mariani, sotto la direzione artistica di Paolo Mauri. A settembre ufficializziamo l’uscita del disco per la berlinese Interbang Records.