Plutone è un pianeta anomalo.
La sua orbita non è regolare.
E' il pianeta più lontano dal Sole,
il più freddo, il più piccolo, il più lento, l'ultimo.
A stento è stato annoverato tra i pianeti.
Non è visibile dalla Terra a occhio nudo.
Eppure a volte ci appare, fenomeno raro,
come una luce bluastra, quasi verdognola,
che brilla intensa nelle notti senza luna.

Il Complesso di Plutone nasce in notti come questa.

Nasce dalla volontà di respirare, di appagare il desiderio di unire influenze, pensieri e persone, attraverso la musica.
Giorgio Tullio De Negri, Francesca De Negri, Andrea Cian, Mardeni Simoni, Valerio Giuffrida e Giorgio Sorani suonano insieme per la prima volta sul finire del 2012.
Come l'orbita di Plutone, eccentrica è la musica a cui danno vita: pur con evidenti influenze rock, è difficilmente inquadrabile in un genere definito, in quanto ogni membro del gruppo vi imprime la sua realtà, la sua storia, la sua verità, e peculiarizza il tutto con il proprio contributo:

Giorgio S., batterista e fonico, cerca senza successo di unire le proprie influenze metal e il gusto per la sperimentazione alla volontà di creare ritmi e sonorità rock e pop tradizionali.

Valerio "Il Profeta", bassista e cultore del progressive, quando suona medita su ogni singola nota cercando sempre di dar vita a ciò che pensa, anche nel caos non perde mai la sua aplomb.

Chitarrista solista, Andrea Cian è l'anima rock della band; ha un background musicale molto sfumato, ma riassumibile in una parola: Rock!

Mardeni, hipster, dissacrante, ironico, ha sulle spalle studi classici, ma ha anche un passato di musica gitana, ribelle; al piano elabora "motivetti stalker": non te li togli più dalla testa.

Francesca sà farsi valere nelle più diverse situazioni; la sua voce flautata è specchio di un'ascoltatrice ghiotta, che canta su qualsiasi tipo di musica, dall'elettronica all'analogica.

Giorgio Tullio GT De negri, astronauta dell' inconscio, speleologo di metafore, giocoliere dell'assurdo, chitarrista, bassista, pianista, cantante, autore dei testi e leader della band, proviene da influenze principalmente metal, rap e cantautoriali.

Come queste monadi così apparentemente diverse, caotiche, riescano a coesistere, lo si può scoprire solo ascoltando, non solo con le orecchie.

Dopo un buon numero di live con il pubblico plutoniano, il Complesso ottiene finalmente il riconoscimento der Popolo, il 17 Settembre 2014, arrivando a propria insaputa alle finali di Fuoriscena 6, dopo tre serate deliranti al Circolo degli Artisti.

l 7 Febbraio, data memorabile, avviene il lancio (materiale) del primo CD del Complesso, in una serata che é la piú completa espressione dell’universo in cui i brani navigano.

Con la partecipazione di sei attori, una disegnatrice e animazioni realizzate ad hoc, prende vita sul palco la storia di Protagonista: la sua fuga dalle, e al contempo ricerca delle, corrotte e dorate vette delle torri di Idealtá!
Il sette febbraio si é svolto durante e dopo la convenscion delle Fave (fan di Elio e le storie tese) XDLOL, e i membri del Complesso si sono anche cimentati in diversi riarrangiamenti (dal corale al quartetto d’archi e pianoforte) dei brani degli Elio E Le Storie Tese, prima di lanciarsi nello show!