Cona

Dopo l'adolescenza passata a Savona, la città che gli ha dato i natali e nella quale ha percorso i primi passi nella musica, si trasferisce a Milano dopo essere stato promosso al test d'ingresso di Vocalclasses © di Luca Jurman, un corso di canto specializzato nello studio e nell'approfondimento dell'applicazione dell'apparato fonatorio alla musica. Frequenta il corso per 4 anni, imparando alcune regole di base sulla voce intesa come vero e proprio strumento musicale. Il corso lo porta ad avvicinarsi al pianoforte prima e successivamente alla chitarra acustica, che risulterà indispensabile per comporre i primi brani inediti.

Nel 2008 incontra Alfredo Grassi, produttore discografico e chitarrista diplomato al Centro Professionale Musica di Milano. Inizia con lui una collaborazione artistica che va avanti tuttora. I due, grazie al talent scout Alex Conte (presidente dell'Agenzia di Booking torinese HTS Musica) incontrano Luca Vicini, bassista della band Subsonica con il quale producono un EP di 4 tracce dal titolo L'Alba che Verrà (2009). Durante l'estate dello stesso anno Cona e Grassi producono un secondo EP-esperimento di 5 tracce intitolato Blues Session, con sonorità decisamente più blues acustiche.

Nel settembre del 2009 Cona sostituisce il cantante della band milanese Ipnoteca, gruppo nato tre anni prima, diventando il frontman e l'autore delle liriche delle canzoni e aggiungendosi al chitarrista Roberto Scolari, al batterista Davide Bini, al pianista Leonardo Musumeci e al bassista Michele Battaglini, al quale subentra successivamente Marco Siragusa.

Dopo alcune esibizioni a Milano, Torino, Pavia e Val di Susa le strade dei componenti si dividono e Cona torna al suo progetto da solista. Nel frattempo il chitarrista Alfredo Grassi incomincia una collaborazione con Roberto Maccagno, pluridecorato sound-engineer di fama internazionale che ha lavorato tra gli altri con Alejandro Sanz, Ricky Martin, Mike Ogletree dei Simple Minds, The Corrs, Billy Cobahn, Monica Narajno, Paolo Fresu, Vinicio Capossela e Mina, aggiudicandosi 6 Latin Grammy Awards e ottenendo 16 Nomination per lo stesso riconoscimento. Maccagno produce in toto il nuovo disco di Cona, Verso Nuove Vie d'Uscita, registrato, mixato e masterizzato presso i REM Studios di Bra (CN) alla fine del 2011. L'album contiene nove tracce inedite, che ricalcano lo stile e l'impronta data da Luca Vicini ai tempi del primo EP, con più influenze sonore che avvicinano a gruppi come i Low, Blur, Dente e Verdena.

Nel frattempo Cona segue la sua vena letteraria e giornalistica, trasferendosi a Hollywood, dove scrive e lavora attualmente, collaborando per un'agenzia giornalistica e per alcuni settimanali italiani di spettacolo come corrispondente.

Qui conosce Giovanni La Badessa, titolare del Lumiere Lab Studio di Los Angeles, che diventerà il produttore del video clip relativo a L'Incrocio, primo singolo estratto dall'album.
Il video, girato interamente nel Deserto del Mojave in California, è stato montato e diretto da Luca Severi (Filmauro).