laTita: brani inediti di una sincerità spiazzante che toccano e aprono le corde del cuore, sottesi tra riff graffianti e sospensioni melodiche del tutto simili ai sospiri tra un pensiero e un’emozione. Tita è così: scorci di poesia, intima e nascosta, sospesa tra un’umanissima realtà e la necessità di voler esprimere le proprie sensazioni. Il risultato è una contaminazione nuova, miscela di sonorità calde ed atmosfere eleganti, che spesso si saturano in un crescendo di energia che ben si accorda alle calde tonalità della sua voce. Brani accompagnati da un intreccio sinuoso di pianoforte (Matteo Cremaschi), basso elettrico (Simone Maffioletti) e batteria (Andrea Carminati) che preannuncia profonde ed eterogenee ispirazioni, qualcosa di nuovo, speciale, unico.