Dada Circus Dada Circus - fuga da Sambeach video

Video collegato all'album

Fuga da Sambeach2012 - Reggae, Punk-funk, Pop rock

Vai all'album Vai alla recensione Vai alla canzone

Descrizione

Me ne andrò da ‘ste brutte voci, fra mille luci, con molte croci,
fra sassi, puttane e nuci
me ne andrò raccontando questa storia che non si può non raccontare
e chi non vuole ascoltare per lo meno si stia zitto

che quant’ è vero che la tera gira casa mia a da’ passa’ pure pe’ ecco
e chi me ferma pe’ la maremma mia, c’ ha la mamma troia e il babbo becco

me ne andrò da ‘sti brutti antipatici scapoli con neon azzurrognoli
per le automobili che tanto mi ricordano napoli
non rimarrò ad accelerare e sgommare per il borgo e per la piazza
per rimorchiare qualche assurda bella ragazza

e chi lo farà comunque, per far piacere a chi? gli dirò:
fatte furbu che stupido già ce si

me ne andrò per il mare cantando alla mia bugna
rimpiangerò, la montagna e la sagna di nonna
-ni vemme a aiuta’ che te do’ ‘na caramella all’ anice..
no, me ne andrò via di qua, tra le prunche, le bicocole e le fragole


c’ eri figlia casta e pura cumm’ è l’ acqua ‘ella funtanella
eri micca miccarella bella figlia meraviglia

e anche se non ti conquistiamo, sei quella che più lo piglia
e nonostante noi tutti ti critichiamo, sei la perla della famiglia

signora señorita, ballar con te è ‘na faticaccia
gira in tondo al girovita, signora bbella signoraccia

con quigl’ omo sotto ‘a gonna che ti fa ballare ancora un poco
sotto que’a gonna che non si bagna, quinni, ma preché nun te dai foco?


me ne andrò per il mare cantando alla mia bugna
rimpiangerò, la montagna e la sagna di nonna
-ni vemme a aiuta’ che te do’ ‘na caramella all’ anice..
no, me ne andrò via di qua, tra le prunche, le bicocole e le fragole

se mi ricorderò, delle primavere passate a giocar giù per le strade
e a bere aperitivi nel bar
a mani giunte a passare quelle sere a raccontarla e a scoprirla interessante
l’ acqua che scende dalla fonte

ritornerò con una caravella piena di caramelle
ti riabbraccerò con una chiglia piena di conchiglie

ti bacerò sulla bocca per dirti che c ho l’ asso
‘ndrimindi co’ le raccia t’ abbraccerò finu a quannu possu

da ciritu pianu finu alla vignescevola
dalla caccia agliù cingnale, dalla nebbia all’ umidità
dall’ occhiu storto ‘e zì Pascale, finu alla pantasema
dagli colli alle quarantelle finu suppe casoma

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Pannello

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani