David Zulli

è un cantautore e musicista polistrumentista, nato a Milano il 10 giugno del 1974, si trasferisce a Roma nel 2002.
Suona la chitarra dall’età di 16 anni, prima da autodidatta, poi studiando chitarra classica con il maestro Luigi Naspro e, dopo qualche anno, chitarra jazz-blues con Gigi Cifarelli.
Suona anche basso, mandolino, ukulele e studia pianoforte e flauto traverso.
Dal 1995 al 1998 è stato chitarrista ritmico dei Dedalo, poi chiamati Sten, band di musica rock/hard-rock con venature metal che proponeva brani originali con testi in italiano e inglese.
Dal 1999 al 2001 ha suonato la chitarra ritmica e solista negli ZeroKilled, band rock e pop punk dell’interland milanese.
Dopo qualche anno di inattività, del tutto casualmente e quasi per gioco, si forma la David Zulli’s Band, che propone spettacoli di cabaret e intrattenimento (dal 2011 al 2014), e rappresenta il momento di ripresa dell’attività musicale.
Nascono in questa fase varie collaborazioni con altri artisti, musicisti e cantanti, anche in ambito teatrale.
Nel 2015 e 2016 suona il basso nella band live del cantautore romano Zman, per il tour del suo secondo disco, Parade of Malice.
Collabora con Gerardo Cauti alla realizzazione del suo nuovo, prossimo, disco, suonando parti di chitarra, basso e mandolino.
Comincia a lavorare al suo primo disco solista, che, dopo più di un anno di gestazione, esce il 15 novembre 2017, con il titolo: La danza della nudità, anticipato, l’8 novembre 2017, dal video di Di difficile ascolto (storia di una ciabatta), primo singolo del disco, scritto a quattro mani con l’amico e fratello Zman.