L'unico controtenore barocco alla corte dell'elettronica nordeuropea: una proposta musicale unica e innovativa

DiMaio, al secolo Maurizio di Maio, deve al Premio Oscar Luis Bacalov il coraggio di aver intrapreso la carriera di controtenore. Fu, infatti, il grande musicista e direttore d’orchestra argentino a notarlo nello spettacolo teatrale “Estaba la Madre – Misa Tango” e ad incoraggiarlo nel coltivare il suo innato talento: grazie alla formazione nel campo del teatro musicale e alla preparazione artistica acquisita negli anni di studio con il cantante lirico Giuseppe Nicodemo, DiMaio è oggi l’unico artista contemporaneo capace di proporre una formula musicale tra passato e presente, con una vocalità in grado di annullare l’importanza del corpo, fondendo maschile e femminile in un gioco seduttivo teso all’impossibile tra musica e parole.