Diva Scarlet - Lucida Veglia testo lyric

TESTO

(Bernardi)

Volevo voci di puri e scarni Dei
e fare a pezzi la mia razza bastarda, di terra e di fuoco
guardare in faccia vetri e vetri ancora deformati
dalle curve di materia, i miei pensieri

non dormiamo che in lucida veglia
la vita è solo un sogno
brucia sulla mia fronte
delirio senza fuga

non hai non hai capito

fiore malato d'ombra e luce perso in un altare
colmo d'acqua e di morte di un dio senza nome
messaggio vano senza dire una parola
amore ho pianto dentro il tuo nome

mostra al mio cuore spazi senza confini
difendimi dal giorno...

non hai non hai capito...
che il cielo non abita più qui
si e spento l'ultimo volo, l'ultimo volo...

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Lucida Veglia di Diva Scarlet:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Lucida Veglia si trova nell'album Apparenze uscito nel 2003 per Mescal, Columbia Music, Sony BMG.

Copertina dell'album Apparenze, di Diva Scarlet
Copertina dell'album Apparenze, di Diva Scarlet

---
L'articolo Diva Scarlet - Lucida Veglia testo lyric di Diva Scarlet è apparso su Rockit.it il 2015-11-29 20:23:19

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia