Il progetto nasce agli inizi del 2006 da una forte voglia del cantante-chitarrista Simone Pellegrino (simon l'etranger) di fare una musica che avesse nell'anima un forte legame con la propria terra sfruttando le sue immagini, i suoi colori e le distrazioni reali per descrivere e scrivere. Tali immagini sono avvolte da melodie e sonorità "indie-pop" (a noi piace dire finto-pop) che ancor di più rendono rarefatto il contenuto dei testi. Nel fare questo è spinto e motivato dal suo batterista, Salvatore Corlianò, che da subito crede nel progetto e s'impegna nell'ardua ricerca degli altri compone…