Edda - Video - Pater

Edda - Video - Pater

band
Cantautore, Rock, Alternativo 

Milano, Lombardia

Video collegato all'album

Stavolta come mi ammazzerai?2014 - Cantautore, Rock, Alternativo

Vai all'album Vai alla recensione

Descrizione

«Pater» è il nuovo travolgente singolo di Edda.
Il brano anticipa l’album «Stavolta Come Mi Ammazzerai?» in uscita il 28 ottobre 2014 (Niegazowana/Audioglobe).
Protagonista assoluto Edda, che in soli 2 minuti incarna e sfida tutti i suoi fantasmi.

Regia e montaggio: Fabio Capalbo
Colorist: Orash Rahnema
Assistenti alla realizzazione: Tania Bendoni, Elena Agnoletti, Alberto Bonucci.
Foto di scena: Elena Agnoletti
Un ringraziamento a Federico Ghelli.

«Stavolta Come Mi Ammazzerai?», il ritorno al rock di Edda, è un concept album sulla famiglia e le sue contraddizioni. Sui rapporti d’amore così intensi e conflittuali da sfociare in frustrazioni e rabbia inestinguibile.
Fabio Capalbo (già regista per Verdena, Capossela, Dilaila, Toni Bruna) ha deciso di utilizzare la naturale irruenza espressiva del cantautore milanese che, con il solo linguaggio del suo corpo e degli sguardi, ripercorre i traumi dell’infanzia e le sue cicatrici, con la speranza in un karma riparatore. Una serie di ritratti via via più frenetici man mano che il brano cresce ed esplode. Il testo e le immagini di «Pater», nella loro apparente violenza, hanno un retrogusto tragicomico. La “voglia di uccidere” non è da prendere alla lettera: è piuttosto l'urlo di un’anima sensibile ai limiti della sopportazione.
Si passa da un verso assurdo ed ironico come “Oggi è Pasqua ed è lunedì” ad uno greve come “Voglio vedere chi mi ha violentata a 12 anni”, da una sequenza con Edda in preda a una crisi nervosa ad un’altra nella quale gioca come un bambino: un continuo rimbalzo tra ferita e guarigione. Solo sfogando questi opposti Edda trova sollievo, dandone di riflesso a chi lo ascolta.
Quello tracciato da Capalbo è un ritratto sincero, in grado di turbare, commuovere e travolgere per la sua carica espressiva.
Edda è tornato per lasciare il segno.

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    aggiungi ai tuoi preferiti