Elisa Palermo, in arte Brown, nasce a Cosenza il 6 Giugno del 1982.

Inizia a cantare nel coro parrocchiale già da piccola, finchè nel 1998 entra a far parte del gruppo artistico dell’ITC “G.Pezzullo”. Un anno più tardi diventa la prima voce solista del coro del medesimo istituto, diretto dalla maestra T. Capano, un coro che polifonico che propone anche un repertorio gospel, proprio per la sua particolarità vocale.
Nel 2004 interpreta il ruolo dell’operaia Grazia nel Musical M.A.N.(Teatro Rendano) ,scritto dal maestro Ivo Scalercio. L’orchestra del musical è guidata dal Maestro Cicci Santucci (la tromba di Ennio Morricone), e vede alla sessione ritmica il contrabbassista Giorgio Rosciglione e il batterista Gegè Munari, due veterani del jazz italiano. La kermesse di attori vede la partecipazione straordinaria di Jasmine Sannino (voce della colonna sonora del film “Le Fate Ignoranti”) e Gianni Testa, e con la regia di Giovanni Giacobelli.

Nello stesso anno inizia a cantare come soprano, contralto e voce solista nel coro Gospel e polifonico”Gli 8iClavio & Il Pianoforte”, coro ospite del Cittadella Jazz con Romano Mussolini, e si avvicina al mondo del rock/blues e della musica leggera italiana collaborando,in occasione di un tour che la vedrà impegnata per due anni, con la cover band “Sol 20”.
Collabora all’incisione dell’Inno del Peperoncino, composto da Ivo Scalercio, per l’Accademia del Peperoncino di Diamante e diventa voce del gruppo Jazz “I Grindelia“.

Partecipa ad un gran numero di concorsi classificandosi sempre ai primi posti (“Battisti Day 2003” di San Vincenzo La Costa, “Concorso Mimmo Gaudio 2006” di Mendicino). In particolare il 2006 partecipa alle finali del Premio “Mia Martini” di Bagnara Calabra(dir. Art. F. Fasano), presentando il suo primo pezzo inedito ufficiale “Sopra un filo“, scritto per lei da G. Vincenzi e F. Silipo; e nel 2008 vince il Tour Music Fest (Mogol,L.Pitteri,F.Fasano, etc) classificandosi prima nella categoria “Interpreti” e aggiudicandosi una borsa di studio con il maestro Luca Pitteri, su oltre 2000 partecipanti provenienti da tutta Italia.

Affascinata dal mondo teatrale partecipa a numerose commedie con la “Compagnia Degli Untori” sia come attrice che come cantante, e collabora con il Teatro dell’Acquario/Centro RAT di Cosenza.
Inizia una turnè come corista, con la cantante americana Amy Coleman; per la quale scrive nel 2011 , insieme con Alessio Iorio, il brano inedito “Give Me Some Peace” un gospel/blues, per il progetto “Dancing for the Water”, partecipando allo stesso progetto come back vocal e autrice.

Numerosissime sono le collaborazioni con alcune band del cosentino e le apparizioni nelle reti televisive nazionali e regionali.

Nel Maggio 2011, partecipa alla trasmissione “Mezzogiorno in Famiglia” su Rai 2 e avrà l’onore di esibirsi con l’orchestra del maestro Mazza.

Il 2012 è l’anno in cui diventa direttrice musicale e artistica del coro “ Soul Sighs Gospel Choir”, un coro con più di 30 elementi, che si è esibito negli anni in diversi festival sul territorio, e ha preso parte, nel 2013, al Concerto della Gospel Connection, presso il Parco della Musica di Roma. Un coro ancora oggi attivo, che è diventato uno dei cori gospel più importanti della Calabria.

Nello stesso anno registra l’album Bitter Day con la formazione Soul Pains, nel quale partecipa come back vocal in tutti i brani e come solista del brano “I’ll Get My Soul”.

Nel 2014 sale sul palco del Blue Note di Milano con le Soul Kiss per accompagnare l’amica Verdiana (Amici 2012) nella presentazione del suo album “ Al Centro del Caos”, sullo stesso palco ha la possibilità di esibirsi con il suo brano “Come Back To Love Me”.

Scelta tra diversi solisti gospel in Italia, l’ 8 Dicembre del 2013, accompagna Edward Taylor come corista / solista in occasione del seminario DALLA PAROLA AL CANTO 2013 e a Giugno del 2015 tiene il seminario gospel “The Power Of Music”, presso l’ICF ROME di Roma con Chris Riccardi e la vocal coach americana Jessica Smith.

L’amore per la musica gli ha permesso di salire sul palco, negli anni, con persone del calibro di Joe Amoruso, Rino Zurzolo, Davide Santorsola, Stjepko Gut, Antonella Mazza,Trini Lopez Massie e Rodney Hubbard.

Dal 2013 con il suo progetto “Elisa Brown Blues Project” è protagonista di diversi festival musicali importanti ( Peperoncino Jazz Festival, Divino Jazz, Le colline del Jazz, Festival delle Serre e tanti altri) .

Inoltre dallo stesso anno prende parte alla direzione artistica di un noto Seminario Gospel calabrese (Blowing on Soul Gospel Meeting) , che le ha permesso di esibirsi con grandi artisti americani, tra i quali il Grammy Award del Gospel , Vaughan Phoenix, e il noto direttore orchestrale Leon Lacey , quest ultimo si avvale di collaborazioni con Janet Jackson, WyCleaf Jean, Tamela Mann, Donald Lawrence e tanti altri.

Nel grande workshop Italiano “Gospel Connection”(a cui prende parte da quasi 10 anni) si fa notare da grandi maestri internazionali ed ottiene numerosi consensi da tutti i cori partecipanti.

Il 2016 inizia il suo viaggio come operatore olistico della voce e del suono, con grandi maestri che dedicano la loro vita alla ricerca dei suoni ancestrali e del benessere spirituale attraverso il mezzo della voce e del suono (canto armonico, body percussion, circle song); ed inizia un percorso di studi con Albert Hera, Alfredo Biondo e Greta Panettieri.

Da Settembre 2016 è Vocal Coach con approccio olistico presso diverse scuole d’arte e tiene laboratori collettivi sul Canto dell’Anima in tutta Italia, oltre che incontri individuali per ritrovare la propria voce e attraverso essa ottenere uno stato di benessere e serenità. Chiamata come ospite Gospel su diversi palchi italiani a Settembre del 2017 riceve, in occasione del Calabria Jazz Meeting, il prestigioso premio Personaggio dell’Anno “Marco Tamburini” e a Dicembre riceve, dall'ACEP una borsa di studi per la realizzazione di un album

Al momento lavora al suo primo album di inediti “Yrros” che uscirà nel 2018, a cui fa da apripista il singolo "Oh God (OM)", un brano profondo dalle mille sonorità e dalle mille religioni.