Siamo cugini. Facciamo tipo rap.

Era Serenase nasce nell’estate 2014 dai cugini Davide “EraSfera” Brancato (rapper e songwriter) e
Serena “Serenase” Gargani (cantante, beatmaker e videomaker). Il duo decide di scrivere,
registrare e girare il video della canzone “Minyponi” nel giro di due giorni, quasi per scommessa. Il
risultato è divertente e nei mesi successivi escono su youtube con altri due brani, “Cartongesso” e
“Crystal-Ball”. Quest’ultima canzone porta il duo tra i cinque selezionati della categoria rap/hip-hop
del concorso per cantautori “Genova per Voi” nel 2015.
Da qui nasce il desiderio di dedicarsi al primo album, chiusi nella loro casa in campagna tra orto,
galline e capre. “Crystal-Ball”, il primo disco, è in uscita il 20 ottobre per The Prisoner Records ed è
stato anticipato da “Letargo”, il primo video/singolo che ha portato il duo a diventare “Artisti della
Settimana” per MTV New Generation/Just Discovered ed a suonare in importanti live tra cui la
data estiva al Goa Boa a Genova, nella stessa sera con Samuel, Canova ed altri artisti.
Era Serenase saranno in tour a partire dal prossimo inverno con Magic Bean Booking Agency.

“SIAMO CUGINI Da quando siamo nati, più o meno. Abbiamo sempre giocato insieme, sempre litigato,
sempre rotti i coglioni a vicenda. Siamo finiti a vivere in una casa in campagna perché, disperati dalla
situazione lavorativa di entrambi, ci siamo detti: “vabè se coltiviamo due pomodori almeno non
moriremo di fame”. Poi abbiamo preso le capre, le galline, le api, tutto. Ed è proprio nella cornice
bucolica della noia campagnola che un giorno ci è venuta un’idea: facciamo una canzone? Così è uscita
fuori “Minyponi”, in un giorno. Il giorno dopo di mattina l’abbiamo registrata e di pomeriggio abbiamo
girato il video abbozzando balletti imbarazzanti davanti ad una videocamera. Ci siamo divertiti e ci è
sembrato che anche qualcuno intorno a noi si divertisse. Da lì è partito tutto. In campagna, tra un
raccolto e l’altro, sono venute fuori tutte le undici canzoni del nostro primo disco. Si tratta di brani in
cui raccontiamo la nascita del nostro progetto, la nostra convivenza, le cose che abbiamo in testa, i
nostri giochi, i cambiamenti, le persone che hanno fatto parte di questo percorso. Poi il cerchio si è
chiuso: il giorno che abbiamo traslocato abbiamo anche consegnato il master dell’album. Come non
trovarci del misticismo cosmico in tutto ciò? Basta non farlo. “ - Era Serenase