Filippo Gatti nasce a Roma il 25 settembre 1970. Dopo aver intrapreso gli studi in filosofia e linguistica, tra il 1990 ed il 1992 vive ad Edimburgo in Scozia dove inizia la sua attività di musicista. Tra il 1992 ed il 1994 fa parte di un gruppo di musica e poesia performativa, La Compagnia degli Statici. Con l'idea dell'incontro tra poesia e musica popolare contemporanea, nel 1994 fonda il gruppo rock Elettrojoyce, con i quali pubblica tre dischi (nel 1996 Elettrojoyce, nel 1999 Elettrojoyce (2°) e nel 2000 Illumina). Nel 2003 pubblica il suo primo disco solista (Tutto sta per cambiare), prodotto da Riccardo Sinigallia, con il quale chiude un'ideale quadrilogia discografica ispirata alle quattro nobili verità della filosofia buddista ed apre un nuovo ciclo minimalista e di ricerca sulla canzone d'autore italiana. Nel corso degli anni collabora in qualità di autore, arranggiatore, musicista e produttore artistico con artisti quali 24 Grana, Andrea Rivera, Banco del Mutuo Soccorso, Bobo Rondelli, Bruno Lauzi, Collettivo Angelo Mai, Giulia Anania, Marina Rei, Raf, Riccardo Sinigallia, Vittorio Nocenzi e la poetessa Elisa Biagini. Nel 2012 esce il suo secondo disco solista, intitolato Il pilota e la cameriera, registrato negli studi dello stesso cantautore a Manciano in Maremma e missato a Dublino. Le otto canzoni dell’album si muovono su territori classici della canzone d’autore, ma non mancano slanci ritmici di grande efficacia, come nel primo singolo Tutti mi vogliono quando mi va bene, canzone il cui video è stato affidato alla regia del team creativo Videns. Nel 2014, è co-autore e produttore delle due canzoni, Prima di andare via e Una rigenerazione, presentate da Riccardo Sinigallia al Festival di Sanremo 2014 e contenute nel disco Per tutti, di cui firma anche la canzone Le ragioni personali.