Francesco Guccini - Venerdì santo testo lyric

TESTO

Venerdì Santo, prima di sera, c'era l'odore di primavera;
Venerdì Santo, le chiese aperte mostrano in viola che Cristo è morto;
Venerdì Santo, piene d'incenso sono le vecchie strade del centro
o forse è polvere che in primavera sembra bruciare come la cera.

Venerdì Santo, stanchi di gente, siamo in un buio fatto di niente
Venerdì Santo, anche l'amore sembra languore di penitenza
Venerdì Santo, muore il Signore, tu muori amore fra le mie braccia,
poi viene sera resta soltanto dolce un ricordo: Venerdì Santo...

Venerdì Santo, prima di sera, c'era l'odore di primavera;
Venerdì Santo, le chiese aperte mostrano in viola che Cristo è morto;
Venerdì Santo, piene d'incenso sono le vecchie strade del centro
o forse è polvere che in primavera sembra bruciare come la cera.

Venerdì Santo, stanchi di gente, siamo in un buio fatto di niente
Venerdì Santo, anche l'amore sembra languore di penitenza
Venerdì Santo, muore il Signore, tu muori amore fra le mie braccia,
poi viene sera resta soltanto dolce un ricordo: Venerdì Santo...

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Venerdì santo si trova nell'album Folk beat n. 1 uscito nel 1966 per EMI.

Copertina dell'album Folk beat n. 1, di Francesco Guccini
Copertina dell'album Folk beat n. 1, di Francesco Guccini

---
L'articolo Francesco Guccini - Venerdì santo testo lyric di Francesco Guccini è apparso su Rockit.it il 2020-05-19 15:25:57

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia