“FURIOUS PARTY” è il titolo del secondo EP, datato 1984, dei pisani CHETAAH CHROME MOTHERFUCKERS, una delle band più rappresentative nel mondo di ciò che in Italia è stato il fenomeno PUNK (prima) e HARD CORE (dopo). E’ proprio in nome di quello spirito, tanto intenso e devastante sotto vari punti di vista, così ben incarnato da gruppi come C.C.M., che i Furious Party agiscono, pur essendo fautori di un tipo di ROCK che a volte ne prende le distanze. Pochi anni fa Mox (con esperienze da batterista nelle file di Crash box, Carnival of Fools, Santa Sangre, La Crus, Govinda HC Project, Cristina Donà) si unisce a Gila e Tino (provenienti da una formazione HC chiamata Maze) per sviluppare il progetto, sotto l’influenza di gruppi hardcore americani ed inglesi della decade ’80. Con l’arrivo di Olly, proveniente dagli Shandon, nel ruolo di cantante, la formazione milanese definisce il proprio suono, fondendo ultimi Refused con Bad Brains, Scream, Bad Religion, e Fugazi creando una serie di canzoni che diventano "HYPOCRISY SHOW ROOM”.

Ultimi articoli su Furious Party