10 dischi italiani prodotti bene secondo Not Waving

KINA - SE HO VINTO, SE HO PERSO

KINA - SE HO VINTO, SE HO PERSO

Da molti soprannominati i Fugazi o gli Husker Du italiani: se hardcore e poesia raramente si sono mai incontrati, in questo album c'è stato un incontro perfetto fra queste due espressioni artistiche molto distanti, a maggiore se si tiene presente quanto sia piccola la mentalità della spesso noiosa scena hardcore nostrana. Un fondersi naturale, con la stessa semplicità con la quale i tre punk aostani per anni hanno suonato ed urlato le loro canzoni e girato mezzo mondo. I Kina con questo album hanno spinto l’hardcore punk ben oltre i suoi confini, musicali e lirici, assolutamente senza paura, sempre mantenendo un’attitudine punk che farebbe bene a tutti i gruppetti simil punk rock che piacciono tanto ai ragazzini di oggi. Una band indimenticabile.

Pezzo fondamentale:
"Questi Anni"


Torna all'album

Venerdì è uscito “Good Luck”, il nuovo album di Not Waving. Per l’occasione abbiamo chiesto all’iper prolifico Alessio Natalizia di selezionare i dieci album italiani a suo avviso prodotti meglio. Come ci aspettavamo la sua rosa ti titoli è certamente poco convenzionale e potrebbe essere persino considerata provocatoria. Lui ci tiene a precisare che “la produzione, nel senso tecnico del termine, non conta più di tanto. Contano le idee e il mettersi costantemente in gioco provando cose nuove ed inaspettate ma sempre cercando di fare una musica che sia pop, nel senso di memorabile ed accessibile. È una lista di dischi che, per un motivo o un altro, sono a mio avviso importantissimi e magari non sono così conosciuti ai lettori di Rockit”.

30/10/2017 di Redazione