Il concerto per i 25 anni dei Punkreas, al Leoncavallo

20/01/2015

Sabato 17 gennaio siamo stati alla data d’inizio del tour del venticinquennale dei Punkreas, al Leoncavallo di Milano. La band ha suonato unicamente i brani dei primi tre album e il primo demo, “Isterico”. Un vero viaggio nel tempo. Report fotografico e testi di Starfooker

I Punkreas sul palco

I Punkreas sul palco

Andare al Leoncavallo a vedere i Punkreas.
Già rileggere questa frase dopo averla scritta la prima volta crea un vortice potentissimo di immagini che tornano alla mente, condite anche dalla retorica che i ricordi si portano dietro.

I Punkreas sul palco

I Punkreas sul palco

Sapere poi che questa data darà l’inizio al tour del venticinquennale della band, in cui saranno suonati unicamente i brani dei primi tre album e del demo (“Isterico”), potrebbe render fulminea la corsa verso lo specchio a verificare il numero dei (primi?) capelli bianchi di chi ha almeno una trentina d’anni.

I Punkreas sul palco

I Punkreas sul palco

Per nostra fortuna siamo gente di mondo, abbiamo letto “Retromania” di Simon Reynolds, questo tour l’abbiamo già visto in occasione del ventennale e sappiamo bene le madeleine cui potremmo andare incontro affrontando una scaletta che arriverà al massimo al 1997.

I Punkreas sul palco

I Punkreas sul palco

I Punkreas in questi anni non si sono fermati, hanno inciso altri sei album, anche se nel frattempo Flaco, storico chitarrista, è uscito (o è stato uscito, ma non perdiamoci in gossip) dal gruppo da qualche mese e al suo posto, almeno per questo tour, sarà alla seconda chitarra il loro manager.

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

La band di San Lorenzo di Parabiago entra sul palco incitata a gran voce dal pubblico stremato dall’attesa (è già passata ampiamente la mezzanotte) nonostante i bravi Gerson di spalla.

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Il sound è più compatto di quello originale, meno “zanzaroso” e più in linea con le ultime evoluzioni nel suono, pur mantenendo una certa coerenza negli arrangiamenti.

I Punkreas sul palco

I Punkreas sul palco

L’acustica del luogo è aiutata dalla massiccia presenza di pubblico composto non solo da nostalgici o nuovi fan adolescenti. Sul palco c’è voglia di suonare e sudare senza risparmiarsi troppo e così le parole sono ridotte al minimo così come la facile retorica, anche se, come Cippa (il cantante) fa notare, molte delle istanze delle canzoni presentate, proprie dell’area antagonista, siano rimaste irrisolte nonostante il tempo passato.

I Punkreas sul palco

I Punkreas sul palco

C’è anche Seby dei Derozer per un paio di pezzi della band vicentina a testimoniare la storica vicinanza tra le band e molti sono i fan e gli amici che passano per avvicinarsi al microfono per cantare almeno una sillaba.
La scaletta, venticinque pezzi in totale, scorre veloce e sulle ultime note di “Occhi puntati” le porte si aprono e si esce a rimirar le stelle.

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Il pubblico dei Punkreas al Leoncavallo

Punkreas, Paranoia Domestica

Punkreas, Paranoia Domestica