Edizioni limitate portate all'estremo: i vinili più assurdi che abbiate mai visto

Vinile sanguinoso

Vinile sanguinoso

Nel maggio 2012 i Flaming Lips si sono imbarcati in un'impresa folle: hanno prodotto dei vinili ad edizione limitata (10 copie a 2500 dollari ciascuno) contenti il sangue di Nick Cave, Erykah Badu, Ke$ha, Chris Martin dei Coldplay e tanti altri.
Ma la band americana non è stata l'unica con la stessa idea: anche l'artista Meredith Graves ha dato il sangue per la sua band. La cantante dei Perfect Pussy infatti ha voluto che il suo sangue fosse presente all'interno dei vinili stampati per il debutto del 2014. Il plasma è stato inserito nel disco durante la fusione, creando un effetto straordinariamente unico sulle 300 copie realizzate con questa sanguinosa tecnica.


Torna all'album

Secondo l'ultimo rapporto FIMI, anche in Italia il vinile sta diventando sempre di più un oggetto ricercato dai consumatori di musica, sia per il suono e il modo d'utilizzo del supporto, sia per la bellezza e la creatività che le potenzialità del formato permettono.
Proprio per questo, molte aziende si sono attrezzate per la realizzazione di prodotti sempre più originali, come ad esempio la Gotta Groove Records che dal 2009 produce vinili applicando diverse tecniche di manifattura per la realizzazione di dischi dall'aspetto unico. Ma la Gotta Groove non è l'unica azienda a sbizzarrirsi con questo formato: ogni anno vengono prodotte dozzine di vinili spettacolari, bizzarri o semplicemente assurdi. Eccone alcuni.

29/07/2016 di Redazione