Ghemon Dopo La Medicina Testo Lyrics

Ghemon Dopo La Medicina Testo Lyrics

band
Soul, Hip-Hop 

Campania

Testo della canzone

Ho tentato di sputare questa paranoia,
l’ho ingoiata nel disagio ma la sento ancora
rigirarmi le budella e raschiarmi la gola
ed il sesso è una pessima scorciatoia
tiro calci nel muro, la rabbia prende il joystick,
giro con il sangue agli occhi e con gli stinchi rotti
finché questo buio non diventerà ricordi
come i 30 kg in più quando stavo in Via Grossich
io non ti voglio vicina,
io sono un altro dopo la medicina, lo proverò
tu non ci mettere cura,
i regali vanno dentro la spazzatura,
ti ferirò
E ‘Fanculo quello che sto vivendo,
tu non sei me e non lo capirai mai
e Dio e Lucifero permettendo,
tu forse un giorno scomparirai
Ho armadi stracolmi di pacche sulle spalle
e sacche riempite con troppi mi dispiace
più versi bitume dentro le falle
più perdo abitudine a stare in pace
io non ti voglio vicina,
io sono un altro dopo la medicina, lo proverò
qui non c’è metro o misura,
c’è solo un altro mandato di cattura a cui sfuggirò
E ‘Fanculo quello che sto vivendo,
tu non sei me e non lo capirai mai
e Dio e Lucifero permettendo,
tu forse un giorno scomparirai
Vorrei assicurarti che ci penserò
ma, la priorità è stare silenzio…
Non voglio sentire nessuno parlare
Vorrei assicurarti che ci penserò
ma, la priorità è stare silenzio…
Non voglio sentire nessuno parlare
E ‘Fanculo quello che sto vivendo,
tu non sei me e non lo capirai mai
e Dio e Lucifero permettendo,
tu forse un giorno scomparirai



Album che contiene Dopo La Medicina


Vai all'album Vai alla recensione

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    aggiungi ai tuoi preferiti