www.gianfrancodefranco.it ///

Gianfranco De Franco polistrumentista, musicologo e musicoterapeuta. Il suo genere esplora stili di musica sperimentale ed ambient lambendo new age, metal industrial e musica contemporanea.
Suona in vari festival internazionali: Londra, Dublino, Argentina, Parigi, Colonia, Zagabria, Lugano, Cordoba, Bellinzona, Mendoza, Grenoble, Spalato, Bruxelles, Mosca e Sarayevo.
Incontra il teatro componendo e suonando dal vivo le musiche di molti spettacoli di teatro contemporaneo:
“DISSONORATA”, “La Borto” e “Polvere” di Saverio La Ruina/Scena Verticale (spettacoli vincitori di 3 Premi UBU, Premio Hystrio, Premio Ugo Betti); “u Tingiutu”(Premio Antonio Landieri), “Morir si giovane e in andropausa”(vincitori
di “Musica contro le Mafie 2012” e “Roma R.I.P. Arte” 201), “Il Vangelo secondo Antonio” di Dario De Luca; “RAGLI” di Rosario Mastrota; “90 secondi all’inferno” di Leonardo Gambardella; “Scarpe Strette” di Rita De Donato.
Sonorizza dal vivo vari lavori: "Le guerre bianche" e "O Amore Muto" del poeta e critico musicale Antonio Oleari; “La Primavera di Sibari” di G. Cauteruccio insieme a Daniela Poggi.
Open Act: Vinicio Capossela - “BeeSound” ; Teho Teardo.
Autore di molte Performance e Site Specific: “URSATZ”, “A.P.P.” (ArtiterapiePerformanceProject), “Tunnel”, “Volo Infermo”, “Quiet Room-effetto sub Mozart”, “SpaceLab#1”, “MancantemaPresente” presentati in vari Festival
di Arte Contemporanea nazionali.

Nel 2012 incide il suo primo disco da solista “Cu a capu vasciata” (Mk Records-Rewind)) riscuotendo ottime risposte di critica e di pubblico.
Riceve due menzioni speciali per “Los Angeles Music Award 2013” (23rd Annual LA Music Award) e per “Artist in Music Awards 2014” categoria ‘Best Alternative Artist’, Los Angeles.
Collabora con vari progetti musicali: “Mandaraproject” (Premio Suoni di Confine 2010/MEI - Amnesty International); Peppe Voltarelli; “Pentole e Computer” di G. de Rosa e M. Messina (99 Posse); “Red Basica”; Nigro ( Premio Ohrpheus Awards); “TakabumStreetBand” (Open act: Bollani, Rea,
Fresu ecc); Edmondo Romano – “Missive Archetipe”, voce di Lina Sastri; “Non è solo Poesia”- “Thick as a Poem” – Alberto Luppi Musso (Great Foggy Mind / Liberodiscrivere / Viadelcampo29rosso-Ge), Marcondiro, G. Tancredi.
Direttore artistico del Festival del Borgo, Laino Borgo (CS).