I Giardini di Porpora nascono nel Febbraio 2007 dalla comune necessità di Jacopo e Roberto, amici di vecchia data che già suonavano insieme negli Hell's Heaven, di dare un taglio netto con le coverband e iniziare un serio progetto di canzoni originali, mischiando influenze e sensazioni di ogni genere sotto forma di sano hard rock cantato in italiano. Da subito incontrano Daniele, bassista con esperienza in diverse formazioni (tra cui i Bitch), che si unisce al gruppo e resta la terza costante che da equilibrio al progetto. Negli altri ruoli si alternano da li in poi una serie di elementi, chi più chi meno molto curiosi, che causa al gruppo un cambio di formazione ogni 3/4 mesi, creando forti impedimenti. Passato un anno avviene l'incontro con Fabio, chitarrista solista dal sano tocco blues, che si inserisce da subito come pedina fondamentale dello scacchiere, rivelandosi insostituibile per l'armonia del gruppo. Da quel momento passa un altro anno e mezzo di alternarsi di batteristi e tastieristi, nel quale la band esordisce al Transilvania di Bologna il 17 Novembre 2008. Solo nel giugno 2009 i Giardini di Popora trovano una dimensione stabile in Fulvio, amico d'infanzia di Daniele e batterista con numerose esperienze nell'underground bolognese, con il quale la sintonia sembra quasi naturale. "Il gruppo nasce come uno sfogo contro le oppressioni di un paese come l'italia dove la libertà d'espressione degli artisti è soffocata. Il sound dei Giardini di Porpora è influenzato da parecchi generi, dal grunge al blues, fino al rock alternativo. Nelle loro canzoni si può passare da una melodia sognante di una chitarra acustica e da una voce soffusa, a chitarre ruvide e taglienti con un groove violento e deciso di basso e batteria. I testi parlano dei temi più svariati e attuali quali sesso, amore, droga, società , libertà. I Giardini di Porpora si ispirano a tanti gruppi e a nessuno, con la voglia di innovarsi nel tempo e di non risultare mai banali."