Giò DeSfàa - Testo Lyrics Civiltà

Testo della canzone

(Testo di Sergio Moreni e Gioele Di Stefano, musica di Gioele Di Stefano)

Lupo de raza, l’eva na cagna
viveva in d’una vila de campagna

Una vila, s’intend, una segunda cà

Par gent chi spantega danèe giò 'n cità.


Lasada dumà lée in sta presùn durada

senza savel al tram-tram s’eva asuefada:

cureva, la buiava, faseva el so mestèe

ma l’eva semper come vess presunèe.


Un dì però vun de raz' bastarda

cul pel vunc, tachisc tant ‘me la mustarda

gh’è pasaa visin a stà vila de campagna

l'è sciupà l’amuur a prima vista par la cagna

Ma 'l bel che anca a lee gh’è cumincià a piasee

la cumpagnia de stò belee

e quand l'è rivàa l'ura del caluur

vureva cul bastardo a fa’ l'amuur


El padruun, mia dacordi, menga un càn de piaza

‘n barbun qualsiasi; par le un can de raza



Civiltà, civiltà, e vori savè chi l'è che l'è 'l càn

civiltà civiltà civiltà



Ma l’ amuur par stò bastard l’eva tan’ fort
che apena l’han cupiada l’ha tacàa a mord

Cun tutt i forz l’ha difendu el so amuur
e ala sira quant l'umbrìa l'ha quatàa i strà e l'era tutt scuur,

l’è curuda in brasc, se fa par dì, al sò tesor
e l’ha pasàa 'na nocc che pareva d’or



Tacada al so cagnò, l’ha vivù tri dì de libertà

l’ha curuu pa’ i bosch, l’ha burlaa pa’ i prà


Ma propri adèss che pudeva buià par lee

ul padrun de cursa el gh’è rivaa de dree
e
vist che la scapava, rob de mia creed, insema a chel cagnasc,

cul sciopp l’ha sparà du culp e j ha vultà là 'me dü strasc

j èen restà la inscì musuun cuntra musuun surà al prà
e
‘n buff d’aria, senza rendess cunt, j ha carezaa


---------------------------------------------------------------------

Traduzione - Civiltà



Lupo di razza ed era una cagna

viveva in una villa di campagna

una villa, s'intende, seconda casa

per gente che sperpera soldi giù in città


Lasciata da sola in questa prigione dorata

senza saperlo a stò tram-tram si era assuefatta:

correva, abbaiava, faceva il suo mestiere

ma era sempre come essere prigionieri


un giorno però uno di quei cani di razza bastarda

con il pelo sporco e appiccicaticcio come la mostarda

è passato vicino a questa villa di campagna

ed è scoppiato l'amore, a prima vista, per quella cagna


ma il bello è che anche a lei è cominciata a piacere

la compagnia di questo belee*

e quando è arrivato il giorno in cui i cani vanno in calore

lei voleva col suo bastardo fare l' amore


Il padrone, non d’accordo, non un cane di piazza,

un barbone qualsiasi, per lei un cane di razza

C
civiltà, civiltà, voglio sapere chi è il cane

civiltà, civiltà, civiltà, civiltà



Ma l'amore per quel bastardo era talmente forte

che appena han cercato di farla accoppiare ha cominciato a mordere


Con tutte le forze ha difeso il suo amore

e alla sera quando le ombre hanno coperto le strade
e si è fatto scuro
è corsa in braccio, si fà per dire, al suo tesoro

ed ha passato una notte che gli pareva d'oro



attaccata al suo cagnetto, ha vissuto tre giorni di libertà

ha corso per i boschi, si è rotolota sui prati


ma proprio adesso che aveva potuto abbaiare per lei

il padrone di corsa le è arrivato alle spalle


e visto che scappava,roba da non credere, insieme a quel cagnaccio,

col fucile ha sparato due colpi e son caduti a terra come due stracci:

sono rimasti lì così, muso contro muso sopra i prati

e un soffio d'aria, senza neanche accorgersi, li ha accarezzati


* termine intraducibile: significa carino e piacevole allo stesso tempo

Album che contiene Civiltà

album Folk'n'Roll Tour 2011 - Giò DeSfàaFolk'n'Roll Tour 2011
2012 - Cantautore, Folk
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati