Giorgio Gaber - Testo Lyrics Le nostre serate

Testo della canzone

Molti mi dicono:
"Sei fortunato
tu che hai trovato un lavoro sicuro,
bello, tranquillo,
interessante
e che ti rende decentemente".

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…

"Ti passo a prendere", "Cosa facciamo",
"Che film vediamo", "No, l'ho già visto",
tutto previsto.

Molti mi dicono:
"Non hai diritto di lamentarti,
ti puoi permettere qualche parentesi,
qualche evasione,
tu che hai un lavoro di soddisfazione".

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…

"Vuoi bere qualcosa", "Grazie, ho già preso
il caffè su in casa", "Che cosa vuoi?" "Niente", ti annoi.

Molti mi dicono:
"Ma cosa cerchi? Cosa pretendi?
Non fare il nevrotico, hai una ragazza
che ti vuol bene,
ti lascia libero, non ti fa scene".

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…

Le nove e un quarto, due passi al centro,
destinazione al solito bar,
televisione.

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…
Io penso alle nostre serate stupide e vuote…

Album che contiene Le nostre serate

album Il signor G - Giorgio GaberIl signor G
1970 - Cantautore Carosello Records
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati