Giorgio Gaber - Seconda ricorrenza: Il signor G muore testo lyric

TESTO

(Parlato) "Stanza 132, ore 18, è spirato, sì il cuore,
come il suo povero papà.
Sembra che dorma… no, non ha sofferto, non se n’è neanche accorto!

Oh, che bella processione!
M’han portato in questa fossa
e con quanta devozione han deposto le mie ossa.
M’han voluto proprio bene,
una bella passeggiata
anche se la prima classe, beh, mi sembra esagerata!
Questo spreco di lumini, questo coro di bambini
e quei preti mascherati chissà quanto son costati.

Com’era caro, com’era buono,
sembra davvero impossibile pensa che cosa incredibile lui non c’è più.

C’è anche quello con gli occhiali che sta lì tutto sudato,
l’avrò visto due o tre volte dal quel giorno che son nato.
Quanta gente affezionata, che premura, che assistenza!
C’è una busta sigillata: state calmi, che impazienza!
Ma c’è scritto solamente: G. Saluta la sua gente,
s’è mangiato tutti i soldi, non vi lascia proprio niente.

Com’era caro, com’era buono,
sembra davvero impossibile pensa che cosa incredibile lui non c’è più.

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Seconda ricorrenza: Il signor G muore si trova nell'album Il signor G uscito nel 1969 per Carosello Records.

Copertina dell'album Il signor G, di Giorgio Gaber
Copertina dell'album Il signor G, di Giorgio Gaber

---
L'articolo Giorgio Gaber - Seconda ricorrenza: Il signor G muore testo lyric di Giorgio Gaber è apparso su Rockit.it il 2020-05-19 19:09:46

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO